Tra i 42 progetti del valore complessivo di 1 milione di euro, approvati e finanziati dalla Regione Lombardia per la realizzazione e l’adeguamento dei parchi gioco inclusivi, a favore dei bambini disabili, uno interessa il Comune di Mariano Comense per cui sono stati stanziati 25mila euro.

Parchi giochi inclusivi Regione Lombardia stanzia 25mila euro per Mariano Comense

“Il gioco è un diritto di tutti i bimbi: questo è ciò in cui abbiamo creduto e sui cui abbiamo deciso di investire come proposito sociale, a tutela del valore
e della dignità delle persone già nella campagna elettorale del Presidente Attilio Fontana e, ora, è diventato realtà”. Queste le parole dell’assessore alle Politiche sociali, abitative e Disabilità di Regione Lombardia, Stefano Bolognini.

Focus su Mariano

Il Parco Vivai diventarà inclusivo. La Giunta Marchisio ha partecipato al bando di Regione Lombardia del 13 agosto scorso, per migliorare l’accessibilità delle aree verdi pubbliche anche a chi convive con una disabilità. Dopo diversi sopralluoghi della commissione Servizi sociali e Cultura, insieme a dei tecnici della “Nostra Famiglia” di Bosisio Parini, si è scelto di investire nel Parco di via dei Vivai. Il Comune ha messo sul piatto 5mila euro, la Regione ne aggiunge 25mila.

Il progetto prevede diverse opere: un tappeto anticaduta protettivo, con pavimentazione antitrauma, ad oggi del tutto assente nell’area giochi, una struttura tematica inclusiva (con accesso con sedie a rotelle) in legno massello – tipo nave dei vichinghi, un’altalena a due posti (sedile a tavoletta e sedile disabili sagomato) e una viabilità interna di raccordo con il vialetto in calcestre, da realizzarsi con lo stesso materiale, che vada a garantire anche alle persone diversamente abili la possibilità di utilizzo dei giochi.

Nuove strutture

In generale, per questo tipo di progetti, Regione Lombardia ha messo a disposizione sino a oggi circa 1 milione di euro. Si tratta di fondi che permetteranno l’installazione di parchi giochi inclusivi nei Comuni o nelle Unioni dei Comuni da 10 a 30 mila abitanti o l’abbattimento delle barriere architettoniche in quelli esistenti. A ognuno di questi è stato assegnato un importo compreso fra 10mila e 25mila euro. L’obiettivo è garantire che le strutture di gioco e sport siano fruibili anche dai minori con disabilità. Metà del contributo sara’ erogato subito dopo l’accettazione. L’altra metà, previa presentazione di una relazione che attesti la conclusione degli interventi, corredata dai documenti validi a rendicontarli.

Leggi anche:  Lettori reporter | Al via il nuovo concorso Netweek: diventa giornalista per un giorno, in palio fantastici premi!

Impegno costante

Questo provvedimento si inserisce nel solco di una direttrice che prevede l’impegno della Regione Lombardia nella promozione dei valori di inclusione sociale. Nel
caso specifico mostra un’attenzione alle esigenze dei bambini con disabilità, affinché le istituzioni diventino un riferimento certo e un sostegno concreto, per tutte le fasi della loro crescita come individui. Tutti gli interventi a favore della disabilità richiedono il corretto approccio multidimensionale per rispondere ad una condizione personale specifica che ci pone sulla giusta strada nella progettualità di mandato.

Ulteriori risorse

“Avere nel proprio territorio uno spazio gioco accessibile e a misura, pensato e adattato per favorire la socialità, la condivisione e l’incontro tra i bambini –
sottolinea Bolognini – ci permette di riaffermare l’importanza dei principi di integrazione e inclusione che ispireranno le azioni del mio assessorato. Colgo l’occasione per ringraziare anche i Comuni che hanno aderito tempestivamente al bando credendo in questa proposta, atteggiamento che ci spinge a valutare ogni possibilità di reperire ulteriori risorse per poter finanziare tutti i progetti che sono stati valutati positivamente e che in graduatoria seguono la 42esima posizione”.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU