La scorsa settimana, su le pagine del Giornale di Cantù vi avevamo raccontato la storia di Rosalia Ciancio, barista cabiatese che ha deciso di pedalare per ben 850 chilometri fino a Barcellona per andare a trovare la figlia. La sua avventura sta ora facendo il giro d’Italia, trovando spazio su diversi giornali nazionali.

Pedala 850 chilometri

Da venerdì 5 gennaio, infatti, la barista cabiatese si è messa in pista e percorrerà la bellezza di 850 chilometri pur di passare qualche giorno insieme, a Barcellona, terra dove la figlia ha deciso di vivere. Niente di nuovo se pensiamo che sono ormai molti i genitori costretti a fare molti chilometri e passare da una Nazione all’altra per sentirsi in famiglia. Ad essere davvero speciale è però il mezzo di trasporto utilizzato da Rosalina: una bicicletta che sarà la sua unica compagna da San Remo fino alla città di Antoni Gaudì (il più grande artista di Barcellona).

Vacanze alternative

“Voglio sfruttare questi pochi giorni di vacanza – ci ha spiegato la donna – Mica posso aspettare la primavera per farmi questo viaggio. Mia figlia non è assolutamente preoccupata per la decisione che ho preso. Anzi, è felicissima. In fondo chi può raccontare che la propria mamma ha fatto 850 chilometri in bicicletta per passare un po’ di tempo insieme?”.

Leggi anche:  Società Como calcio sotto accusa dai tifosi, Landriscina: "Qualcuno decida"

Impresa quasi compiuta

Domani è previsto l’arrivo a Barcellona, in questi giorni però Rosalina, come ha raccontato lei stessa dalla sua pagina Facebook, ha dovuto fronteggiare diversi contrattempi. La pioggia che ha fatto smettere di funzionare per qualche ora il suo telefono, un problema alle ruote e la strada che a volte ha smarrito. Attualmente mancano 95 chilometri per arrivare a destinazione.