Termina nei quarti di finale play-off l’avventura della Red October nella stagione 2017-2018. Milano passa anche a Desio  65-74 e conquista la terza vittoria che vale l’accesso alle semifinali.

Equilibrio nel primo quarto

Davanti ai cinquemila del Paladesio, gara3 inizia meglio per Cantù che vuole farsi perdonare le due sconfitte del Forum. Sotto canestro si lotta da una parte e dall’altra con le difese che spesso hanno la meglio sugli attacchi. Burns e Thomas respingono i tentativi di fuga di Milano, ispirata da un ritrovato Goudelock e da un Gudaitis incisivo sotto canestro. Il primo quarto finisce 14-15.

L’Olimpia domina il secondo periodo

Nel secondo periodo, l’Olimpia cambia marcia e comincia ad infilare triple a ripetizione. Gli interpreti cambiano spesso con la difesa canturina che non riesce ad opporre resistenza. Dall’altro lato del campo, invece, non ne entra una (0/10 da tre nei primi 20 minuti). Milano vola a +18 e per la Red October c’è ancora una montagna da scalare.  Squadre al riposo sul 27-43

Terzo quarto di marca canturina

Cantù rientra in campo rinfrancata dopo la pausa. Il terzo quarto avvicina i ragazzi di Sodini fino al -8, la difesa concede le briciole a Milano e la Red October guadagna punti. Nel finale di terzo quarto, però, una spallata permette all’Olimpia di mantenere i 10 punti di vantaggio.

Speranza riaccese al 35′

Nell’ultimo periodo Cantù si gioca il tutto per tutto. Squadra generosa e finalmente più fluida in attacco con Milano che paga le tante palle perse (14 alla fine della partita). Culpepper trascina i suoi fino all’incredibile 56-60 dopo che Cantù era sprofondata di nuovo sul -18. Ma nel finale la stanchezza limita la rimonta biancoblù e Milano riguadagna un confortante margine di vantaggio. Finisce comunque tra gli applausi di tutto il Paladesio per i giocatori di Cantù, autori di una stagione formidabile. Gli Eagles ringraziano tutti con due striscioni: “Grazie ragazzi” – “Grazie coach”.

Leggi anche:  Perseguitava la sua ex, ora le starà a mille metri di distanza

La chiave del match

Milano ha vinto grazie soprattutto alla miglior percentuale da tre punti (4/18 per Cantù, 15/30 per Milano) e ai tanti errori canturini dai liberi (13/20 Cantù, 11/14 Milano). Per una volta la Red October è stata migliore a rimbalzo (40-36).

Il tabellino

Red October Cantù: Smith 9, Culpepper 18, Cournooh 7, Parrillo, Tassone n.e., Maspero n.e., Chappell 5, Burns 12, Thomas 12, Ellis 2. Coach: Sodini.

EA7 Emporio Armani Milano: Goudelock 24, Micov 4, Vecerina n.e., Pascolo, Tarczewski 3, Kuzminkas 8, Cinciarini 5, Cusin n.e., Abass n.e., Bertans 11, Jerrels 9, Gudaitis 10. Coach: Pianigiani.