Raid animalista notturno alla sede del Parco Pineta per dire basta all’abbattimento dei cinghiali.

Raid animalista: l’accusa

Nella notte tra il 13 e 14 aprile, i militanti del gruppo Centopercentoanimalisti hanno affisso sull’ingresso della sede dell’ente, in via Manzoni, due manifesti per dire stop all’uccisione degli ungulati. “Secondo questi signori i cinghiali vanno uccisi, così la loro carne potrà venir venduta. E’ un buon affare – si legge nella rivendicazione – Un domani, all’occorrenza, lo stesso parametro potrà venir applicato per caprioli e cervi che oggi dicono di voler proteggere”.

La replica

“Il problema degli ungulati e dei cinghiali presenti nel Parco Pineta sta diventando insostenibile per tutti gli agricoltori – dichiara l’agricoltore di Castelnuovo Bozzente Gabriele Bosetti –  Le prime tracce del problema sono visibili in pieno inverno, quando le campagne sono incolte e i cinghiali danneggiano le aree a prato, scavando delle vere e proprie fosse, alla ricerca di radici e insetti, danneggiando la coltura e rendendo difficile e improduttiva la fienagione. A primavera, poi, vengono danneggiati anche i campi di frumento e, in piena estate, le coltivazioni di mais. Gli animali, ghiotti delle tenere pannocchie in formazione, fanno razzia del potenziale raccolto”.

Leggi anche:  Cinghiali e selvatici, nel Lario danni per 350.000 euro

Tutti i dettagli sul Giornale di Olgiate da sabato 20 aprile 2019 in edicola
DA CELLULARE, SCARICA LA APP DEL GIORNALE PER SFOGLIARE L’EDIZIONE e da Pc clicca qui