Grande successo per la 58esima edizione del Salone del Mobile.Milano che si conclude con un risultato molto positivo, sia in termini di affluenza sia di qualità delle relazioni commerciali. Le 386.236 presenze, in sei giorni, provenienti da 181 Paesi fanno registrare un incremento del +12% rispetto all’edizione 2017.

Salone del Mobile

“Chiudiamo questa edizione del Salone del Mobile con un bilancio molto positivo. Abbiamo investito sulla qualità e abbiamo dimostrato ancora una volta la nostra voglia di fare sempre meglio, lavorando a stretto contatto con designer, artigiani, operatori della comunicazione e della cultura per continuare a produrre innovazione di prodotto e di processo e a ‘raccontare storie’ che aumentano il valore dell’oggetto di design. Il risultato è che abbiamo venduto, ma soprattutto che tutti hanno percepito il nostro entusiasmo, la nostra capacità di fare sistema e di andare oltre il mero business per offrire un‘esperienza globale, in cui quello che conta sono le idee. Il Salone del Mobile si conferma dunque un appuntamento unico nel suo genere, in grado di coinvolgere professionisti e pubblico in quello che ormai è un evento a 360° gradi, profondamente legato a Milano e alle sue istituzioni e allo stesso tempo proiettato in una realtà internazionale” ha commentato il presidente della manifestazione Claudio Luti.

Gli fa eco Emanuele Orsini, presidente di Federlegno Arredo Eventi: “Investimenti, creatività, entusiasmo sono le parole d’ordine di una manifestazione che ha visto gli imprenditori mettersi in gioco per contribuire al successo di un’edizione che, ancora una volta, ha dimostrato il valore di una filiera in grado di muoversi unita per vincere le sfide dei mercati internazionali. Un successo globale ottenuto grazie anche al deciso e convinto supporto delle istituzioni – tra cui quello di ICE che ha riconosciuto nel Salone del Mobile.Milano un player fondamentale per lo sviluppo del made in Italy nel mondo – e di Confindustria che, per la prima volta nella sua storia, ha organizzato il Consiglio Generale all’interno della manifestazione, sottolineando la necessità di portare avanti un vero dialogo con la politica per supportare e rafforzare le imprese che, oltre a contribuire al successo della Manifestazione, rappresentano uno dei fiori all’occhiello dell’economia nazionale”.

Appuntamento già da ora alla prossima edizione a Milano dal 21 al 26 aprile 2020.

Leggi anche:  Per le Olimpiadi 2026 serve l'aiuto dei social

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU