Qual è il vero stato di salute della sanità comasca? A rispondere è Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Pd: “Da un primo esame l’esito non pare certo ottimale, ma la situazione si aggrava se si guardano più in profondità i vari aspetti territoriali, a partire dalla Cittadella sanitaria”.

Sanità comasca Orsenigo (PD): “Troppe criticità”

Continua Orsenigo: “Gli spazi di via Napoleona devono diventare il vero fulcro dell’assistenza, accelerando e migliorando il recupero di quel luogo, che è strategico, con il completamento del trasferimento a Camerlata dei servizi sanitari e degli uffici cittadini dell’Ats, puntando al coinvolgimento attivo dei soggetti del terzo settore e dando spazio alle loro attività”.

Ma sembra quasi che il territorio comasco e l’Asst Lariana siano considerati secondari, rispetto alle altre aziende sanitarie lombarde: “Siamo riusciti in parte ad appianare questa disparità e grazie a un mio ordine del giorno approvato a novembre, si può annunciare l’impegno della Regione nel dare a Como la stessa dotazione di posti letto presenti nel resto della Lombardia. Resta evidente, però, che con la riforma che ha costituito l’Ats dell’Insubr ia, con la fusione delle due aziende sanitarie di Como e di Varese, molte sono le disparità emerse – continua Orsenigo –. Emblematico il tentativo di trasferimento a Varese di alcuni importanti dipinti che i comaschi non avrebbero più potuto ammirare». Grazie al puntuale lavoro di controllo di Orsenigo questo è un pericolo scampato e le opere resteranno esposte in città. Ciononostante, “siamo in una condizione molto seria: il nuovo ospedale Sant’Anna ha già bisogno di interventi di adeguamento, ma tutto rischia di restare bloccato. Eppure i fondi potrebbero essere facilmente reperibili, se ci fosse la volontà”, conclude il consigliere Pd.

Leggi anche:  I titolari del bar della vincita milionaria a Lodi ora sono "perseguitati"

Parcheggio Sant’Anna petizione sugli introiti

Continua la raccolta firme per la revisione d e l l’accordo sul parcheggio del Sant’Anna, promossa da Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Pd. “L’obiettivo è raccogliere più firme possibili a sostegno della petizione che chiede di modificare la convenzione che regola l’utilizzo del parcheggio dell’ospedale Sant’Anna. L’accordo, voluto dal centrodestra, destina oltre un milione di euro l’anno esclusivamente al comune di San Fermo della Battaglia. Chiediamo l’abbassamento delle tariffe e che gran parte dei soldi incamerati siano investiti per interventi nello stesso ospedale, che presenta tante criticità”. Orsenigo aggiunge: “Servono più posti letto e nuovi servizi. Oggi cittadini e personale si trovano in grande difficoltà, soprattutto nelle ore notturne, a utilizzare il parcheggio. Voglio invitare tutti, soprattutto i rappresentanti delle istituzioni locali, a firmare questa petizione che va oltre il colore politico ed è di buon senso e nell’interesse dei nostri cittadini”. Si può firmare ANGELO ORSENIGO online su change.org https://is.gd/ugf8H1