Sanità nel Comasco. La prossima settimana Angelo Orsenigo, consigliere regionale del Pd, depositerà un’interrogazione a risposta scritta in cui si chiederanno lumi all’assessore regionale alla Sanità a proposito di due situazioni che stanno tenendo sulle spine le comunità di Cernobbio e Cucciago.

Sanità nel Comasco: a Cernobbio e Cucciago due comunità in apprensione

“A Cernobbio c’è il forte rischio di perdere un rinomato e apprezzato centro fisioterapico, per una questione di spazi, che a quanto pare verrà spostato in via Napoleona. Ma sarebbe un grave danno per la salute dei cittadini non solo di quella comunità, ma anche dei dintorni – racconta Orsenigo –. Dall’altro lato, a Cucciago, la popolazione rischia di perdere i medici di base, che già stanno rappresentando una problematica a livello generale. Ma sguarnire anche le piccole realtà, significa fare un vero danno ai loro abitanti”.

Per quanto riguarda Cernobbio, Orsenigo ritiene di chiedere all’assessore “se proprio non ci sono alternative alle quali può contribuire anche la Regione, evitando di far spostare la struttura con tutti i disagi che le popolazioni del lago dovrebbero subire. In sostanza, vorremmo sapere qual è il futuro del centro fisioterapico e come l’assessore regionale intende intervenire”.

Leggi anche:  Ufficio Tributi apertura straordinaria

Su Cucciago il tema è, appunto, più complesso: “La carenza di medici di medicina generale è figlia di una passata mancata programmazione e ora è emergenza. Tuttavia, grazie agli interventi del Governo Gentiloni, è bene sottolinearlo, sono state integrate delle ‘borse’, così si chiamano le specializzazioni, aggiuntive, perciò nei prossimi anni arriveranno in Lombardia oltre 380 nuovi medici. Non sappiamo ancora se andranno, e quanti, nell’area del Canturino e se saranno destinati a Cucciago. All’assessore Gallera chiediamo proprio delucidazioni su questo e sicuramente peroreremo la causa di quella comunità che non può certo rimanere del tutto sguarnita”.