Vento forte sul Lario: cresce l’allerta per gli incendi. La protezione Civile della Lombardia ha diramato un avviso di criticità moderata (codice arancione: preallarme) per rischio vento forte da mezzogiorno di oggi, lunedì 25 marzo 2019, nell’area omogenea IM-05 (Lario e Prealpi occidentali: province di Como e Lecco) e sempre un codice arancione per rischio incendi boschivi.

Avviso di criticità regionale n. 59 del 24 marzo 2019

Vento forte sul Lario

Oggi, lunedì 25 marzo, la discesa di una struttura depressionaria Nord-atlantica verso l’Europa centro-orientale porterà ad una rotazione delle correnti dai quadranti settentrionali sulla nostra regione e concomitanti condizioni di debole instabilità, prevalentemente sui settori retici di confine e su parte dei settori centro-orientali. Questa  configurazione determinerà una marcata intensificazione della ventilazione dai quadranti settentrionali a tutte le quote.

La situazione meteo

Nel dettaglio: dal primo pomeriggio di oggi 25 marzo, previsto un rinforzo dei venti, che tenderanno a diventare forti o molto forti in montagna oltre 700 metri circa, moderati o forti in pianura. In particolare, fino alle prime ore di domani, martedì 26 marzo, oltre ai settori alpini più settentrionali, l’intensificazione interesserà anche l’intera parte occidentale della regione. In tale intervallo temporale, in montagna (tra i 700 e i 1500 metri circa) si prevedono velocità medie orarie mediamente comprese tra 35 e 110 km/h; in pianura tra 15 e 50 km/h, con raffiche tra i 50 e 90 km/h circa. I venti potranno assumere anche

Leggi anche:  Seveso in secca: via alla manutenzione

Domani, martedì 26 marzo eventi in temporanea attenuazione al primo mattino sui settori di pianura, ancora forti in montagna. Dalla tarda mattina si prevede ovunque una nuova intensificazione dei venti fino alle ore serali, quando tenderanno ad attenuarsi.

Qualche fiocco in montagna

Nelle giornate di lunedì 25 e martedì 26 marzo i settori alpini più settentrionali saranno interessati da deboli nevicate o nevischio, con accumuli al suolo poco significativi attorno a 1-2 cm, con limite neve che scenderà (dalle prime ore di martedì 26/03) attorno ai 900 metri circa.