Volontari in servizio nel Pronto soccorso del Sant’Anna a San Fermo della Battaglia e in quello del Sant’Antonio Abate a Cantù.

Volontari, risorsa fondamentale

Al Sant’Anna e al Sant’Antonio Abate arriva il volontariato per il sostegno dei pazienti in Pronto Soccorso e dei loro familiari. All’ospedale di San Fermo della Battaglia il progetto è stato messo a punto con l’Associazione “A.Ma.Te” Onlus di Faloppi. Nel presidio di Cantù sarà attivo il Cisom, il Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta, sezione di Como. Le iniziative, sperimentali, sono state presentate nelle due strutture nell’ambito della visita dei presidi degli onorevoli Nicola Moltenisottosegretario al Ministero dell’Interno, e Maurizio Fugattisottosegretario al Ministero della Salute.

La novità e gli obiettivi

Migliorare l’ascolto e la comunicazione a favore delle persone che accedono ai due Pronto Soccorso dell’Asst Lariana, oltre che contribuire a prevenire i conflitti, è il fine del lavoro condiviso tra reparti e volontari. Tutto questo nell’ottica di un’umanizzazione dei percorsi e del rispetto dei professionisti che vi operano e delle regole della privacy. All’ospedale Sant’Anna, dove il Pronto soccorso conta una media di 180 -200 accessi al giorno, i volontari di “A.Ma.Te”, come ha spiegato il presidente Alessandro Martinelli, inizieranno la loro operatività al termine della formazione che inizierà giovedi 13 settembre e proseguirà sino a fine novembre. Il percorso prevede corsi Fad e lezioni frontali sugli aspetti normativi, sulle attività di Pronto Soccorso, sulla logistica della struttura, sulle competenze comunicative e relazionali, oltre che sulla sicurezza e l’igiene ospedaliera.

Leggi anche:  Asf Autolinee offre lavoro a 25 nuovi autisti

Come aderire al progetto di “A.Ma.Te”

I volontari attualmente coinvolti sono 15e saranno due per ogni turno. La programmazione e pianificazione delle presenze verrà concordata con il primario. I volontari saranno identificabili tramite una pettorina e un tesserino dell’associazione. Chi fosse interessato ad avere informazioni per aderire al progetto può scrivere a info@amate.it o telefonare ai numeri 327-1311958 e 327-8607090. La Onlus di Faloppio non è nuova a collaborazioni con l’Asst Lariana. Si occupa di cure palliative territoriali e gestisce il call-center dell’Unità Interdipartimentale di Terapia del Dolore, servizio con ambulatori sia al Sant’Anna che al Sant’Antonio Abate.

L’impegno del Cisom di Como

Como visita dei Presidi dell’Asst Lariana alla presenza del Sottosegretario al Ministero dell’Interno on. Nicola Molteni e il Sottosegretario al Ministero della Salute on. Maurizio Fugatti

All’ospedale di Cantù, invece, non appena sarà concluso l’iter autorizzativo, collaborerà il Cisom di Como. Il gruppo comasco appartiene al Cisom nazionale, parte dell’Ordine di Malta, impegnato da oltre 40 anni in attività di formazione, prevenzione, emergenza e post emergenza nell’ambito del Sistema nazionale di Protezione civile oltre che nelle attività di assistenza ai bisognosi. Come ha ricordato il presidente Andrea Di Francesco, le persone che opereranno nel Pronto Soccorso di via Domea, dove gli accessi sono in media 80 al giorno, saranno 8.