Yaka Volley orgogliosa del risultato raggiunto alle finali nazionali.

Yaka Volley, annata eccellente per l’Under 18 maschile

Alle finali nazionali settimo posto, migliorando il risultato della passata edizione. Un ottimo torneo disputato dagli yakesi, che hanno affrontato durante il loro cammino senza troppo sfigurare entrambe le formazioni che si sono giocate la finale per il titolo. E’ bene ricordarlo: lo Yaka chiude il torneo dietro cinque formazioni che hanno la prima squadra che gioca in serie A: Segrate, Civitanova, Monza, Modena in superlega e Castellana in A2. Fuori dal gruppo, a precedere lo Yaka solo Treviso contro cui però gli yakesi hanno perso solo ai vantaggi del quinto set. Inoltre lo Yaka chiude davanti ad altre formazioni di grande esperienza come Ravenna, Cuneo, Santa Croce, Fano, Trento e Perugia.

Un progetto d’eccellenza per la pallavolo e la parole del coach

Il settimo posto ha un po’ il sapore di una grande vittoria per lo Yaka, piccola cenerentola del gruppo ma grande realtà di provincia. Da anni, infatti, punta sulla crescita dei giovani ed è sempre presente ai campionati nazionali con qualche formazione.  Ecco le parole di coach Lorenzo Dell’Ernia, al termine della finale di ieri per il settimo posto vinta 3 a 1 contro Ravenna. “Ci siamo presentati in campo ancora stanchi dopo i cinque set di sabato contro Treviso. Siamo riusciti subito a entrare in partita e dire la nostra nel primo set. Siamo scivolati nel secondo, ma abbiamo subito ripreso in mano il gioco e, contro un avversario di tutto rispetto, abbiamo giocato bene nel terzo, dettando poi noi il ritmo di gioco nel quarto. Vorrei anche ringraziare la società che sempre ci supporta in questo percorso di crescita, i tecnici che si impegnano con costanza per far crescere i ragazzi, i genitori che sempre ci seguono con affetto e, soprattutto i miei ragazzi, che anche quest’anno hanno colto i frutti dopo aver lavorato intensamente per tutta la stagione che è stata intensa e ricca di emozioni”.

Leggi anche:  Attilio Fontana a Como per il riconoscimento Unesco a Cometa Formazione FOTO