Appello al rispetto sui social network: il sindaco di Olgiate Comasco, augurando il meglio ai cittadini per il nuovo anno, ha sottolineato anche un auspicio per un utilizzo responsabile dei nuovi canali comunicativi.

Appello, i social non diventino uno sfogatoio incivile

In occasione del concerto di gala del Corpo musicale olgiatese, il primo cittadino Simone Moretti ha tenuto il tradizionale discorso alla cittadinanza. E da una parte ha spronato a trasmettere  fiducia ai giovani. ” Mi stupisco sempre in positivo di quanto i nostri ragazzi e ragazze abbiano una visione più ampia della nostra su alcune questioni e l’esempio più attuale è la chiara percezione che hanno sui cambiamenti climatici. Le scelte ambientali non sono soltanto una indispensabile difesa della natura nell’interesse delle generazioni future ma rappresentano anche un’opportunità importante di sviluppo, di creazione di posti di lavoro, di connessione tra la ricerca scientifica e l’industria”. Poi, appunto, la sottolineatura su una necessaria educazione all’utilizzo consapevole dei social. “Il rispetto deve arrivare anche dai social. E qui mi rivolgo soprattutto a noi adulti. Sono strumenti che permettono nelle migliori intenzioni di poter dialogare con tanti per esprimere le proprie idee e ascoltare, con attenzione e rispetto, quelle degli altri. Ma il più delle volte… e lo sappiamo bene noi amministratori… si trasformano nella più classica gogna mediatica, diventando strumento per denigrare, anche deformando i fatti, creare allarmi ingiustificati se non addirittura notizie false”.

Leggi anche:  "Metti da parte il cellulare" per un pomeriggio veramente sociale

Il grazie del sindaco a chi si impegna per migliorare la città

Moretti ha messo l’accento anche sull’impegno condiviso da molti per migliorare Olgiate Comasco. “Nella speranza e nella convinzione di poter raggiungere i risultati attesi da tutta la Comunità Olgiatese, vorrei ringraziare sempre e comunque la mia squadra di assessori e consiglieri per la presenza e per il lavoro che quotidianamente svolgono e senza i quali un sindaco da solo non potrebbe ottenere nessun risultato. Un grazie alla struttura amministrativa, ai collaboratori del Comune e alle fondamentali Associazioni cittadine con tutti i volontari, indispensabili presenze per la nostra Comunità. Un grazie alle Forze dell’ordine tutte, dai Carabinieri alla Guardia di finanza fino alla Polizia locale, ognuno per i propri compiti e doveri presenti sul territorio in maniera costante e molto operativa per la nostra sicurezza. E un grazie agli oltre 700 cittadini dal 2015 impegnati attivamente nel progetto di sicurezza partecipata del Controllo del Vicinato e ai referenti e coordinatori di tutti e 18 i gruppi”.