Cagnolina uccisa, scatta la ricerca di testimonianze.

Cagnolina uccisa, l’allevatrice lancia un appello

Ha preso a cuore la vicenda e non vuole cedere. La morte della piccola Grace, esemplare di 13 mesi di cavalier king, avvenuta domenica a Lurate Caccivio, continua a fare discutere. E per Barbara Rosarelli, allevatrice della cagnolina, è il momento di raccogliere testimonianze. Non tanto sull’accaduto, sul quale le parti in causa hanno le loro versioni. Ma sull’aggressività dei cani di cui ha riferito Angela Gargano, proprietaria della piccola Grace. Cagnolina morta in seguito all’attacco subìto da due cani. E, appunto, l’allevatrice della cavalier king continua a sostenere Angela Gargano nella sua richiesta di fare in modo che un dramma come quello accaduto domenica non si ripeta mai più.

“Ci stanno contattando numerose persone del luogo raccontandoci delle cose poco piacevoli. Ci sono famiglie che hanno paura di passare solamente in certi luoghi per la presenza di questi personaggi e dei loro cani aggressivi. Invito chiunque abbia la propria testimonianza a contattarmi, insieme possiamo definitivamente fermare questa cosa… per l’incolumità delle persone stesse… Adesso basta paura“. Così l’allevatrice ha lanciato un appello dalla sua pagina Facebook, invitando a riflettere in generale sulla pericolosità dei cani aggressivi in mano a chi non riesce a gestirli. Un caso che fin troppo ricorda quello della morte di Thiago, un chihuahua, azzannato a morte a Fino Mornasco.

Leggi anche:  Spaccio a Cantù arrestato un marocchino

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU