I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Menaggio, a seguito di immediata ed efficace attività info-investigativa, hanno scoperto e posto sotto sequestro un impianto di coltivazione della cannabis e di confezionamento del ricavabile stupefacente nell’alto lago.

Ingegnosa serra nel sottotetto

Il veloce blitz, condotto ieri in un appartamento nel centro di Porlezza, ha permesso di svelare un piccolo laboratorio utilizzato per garantire indoor tutta la filiera produttiva dello stupefacente. In particolare, nascosto nel sottotetto, è emersa una ingegnosa serra, autoprodotta, con illuminazione ed irrigazione controllate, che consentiva di mantenere i corretti parametri di umidità e temperatura necessari per l’abbondante raccolto di inflorescenze ricche di principio stupefacente.

Fermato un 18enne turco

L’operazione, quindi, ha consentito di assicurare alla giustizia il giovanissimo “agricoltore” A.B. 18enne turco e residente a Porlezza, acclarando che parte dei reati in materia di stupefacenti fossero stati da lui posti in essere quando lo stesso era ancora minorenne, nonché di sequestrare diversa sostanza stupefacente già confezionata.

Leggi anche:  Malore in acqua morto un uomo a Gera Lario

FOTO