Prosegue l’attività straordinaria di controllo del territorio avviata dal Prefetto di Como, a partire dallo scorso 12 novembre, allo scopo di rendere sempre più incisiva l’azione di prevenzione. e contrasto dei principali fenomeni criminosi, con particolare riferimento allo spaccio di sostanze stupefacenti, ai reati predatori, furti in abitazione e rapine.

Continuano i servizi di controllo straordinario nel Comasco

I servizi straordinari continuano ad essere effettuati in collaborazione con tutte le Forze di Polizia con il concorso di personale della Polizia Stradale e delle Polizie Locali interessate. Ulteriore attenzione è stata altresi rivolta al fenomeno della prostituzione ed al controllo di cittadini stranieri irregolari sul territorio, pertanto assicurando la costante presenza in Sede di personale dell’Ufficio Immigrazione della locale Questura, L’articolato dispositivo, nel periodo considerato, senza trascurare il capoluogo, ha interessato gli ambiti di diverse importanti realtà municipali della provincia, con servizi quotidiani prevalentemente nelle fusce orarie pomeridiane e serali. unitamente al monitoraggio diffuso e continuo del territorio. e delle. principali arterie di collesamento. dei veicoli e dei relativi occupanti in transito, nonché di diversi esercizi pubblici.

I risultati raggiunti

Tra il 6 e il 12 aprile 2019 l’attività ha coinvolto 170 operatori delle varie forze di Polizia ripartiti in 69 unità operative automontare, ha consentito di conseguire i seguenti risultati:
50 posti di controllo effettuati;
344 veicoli controllati;
14 contravvenzioni al C.d.5, elevate;
2 veicoli sottoposti a fermo amministrativo;
1 patentee 1 carta di circolazione ritirate;
723 persone identificate e controllate, di cui 58 cittadini extracomunitari.

Leggi anche:  Ancora in pericolo di vita l’anziano colpito da malore sulla Statale 36

Sono stati poi adottati complessivamente sette provvedimenti di espulsione di cui: tre mediante accompagnamento in frontiera, uno con ordine di abbandonare il territorio dello Stato, 3 con accompagnamento presso CP.R, Sono stati controllati infine 14 esercizi pubblici ed identificati al contempo 56 avventori.