Una tragedia quella che si è consumata nella giornata di ieri, martedì 14 agosto, a Lavertezzo, in Canton Ticino. Una donna italiana, nella località elvetica con la famiglia, è stata trascinata via dalla corrente del fiume.

Tragedia a Lavertezzo: è morta un’italiana

Poco prima delle 13 in zona Aquino, a monte del ponte romano, la tragedia. Stando a una prima ricostruzione della Polizia cantonale, per cause che l’inchiesta dovrà stabilire, una 43enne italiana e residente in Italia è stata trascinata a valle dalla corrente. A lanciare l’allarme sono stati i familiari. La donna è stata recuperata dal fiume da alcune persone che si trovavano nei pressi del ponte romano.

Oltre agli agenti della Polizia cantonale e dell’intercomunale di Gordola, sono intervenuti il Gruppo sub Verzasca, i pompieri di Locarno, i soccorritori del SALVA e della REGA che hanno eseguito le manovre di rianimazione. La donna p stata poi trasportata in elisoccorso all’ospedale. A una prima valutazione medica, la 43enne versava in gravi condizioni; nella notte il decesso.

La donna è di Cadorago

La vittima di questa tragedia è Elvis Fistha, 43 anni di origini albanesi ma residente a Cadorago da quando si è sposata 15 anni fa. Una tragedia che colpisce tutta la comunità cadoraghese.

Leggi anche:  Scontro tra auto e moto alla rotonda dell'In's di Cadorago FOTO

“Un punto pericoloso”

Secondo una prima ricostruzione della vicenda è probabile che la donna, trascinata via dalla corrente, abbia prima battuto la testa perdendo perdere i sensi, quindi il principio di annegamento tra le acque del fiume. Certo è da segnalare che secondo il Gruppo sub Verzasca, intervenuto sul posto per i soccorsi, si tratta di un “punto pericoloso”. Gli esperti spiegano infatti che “da quando prestano servizio, ovvero il 1975, in quella zona sono morte circa 30 persone. Una delle probabili cause potrebbero essere le correnti molto forti e insidiose nelle vasche del torrente”.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU