Fusione Solbiate-Cagno, l’Amministrazione comunale solbiatese scende in piazza e incontra la via Verdi.

Fusione Solbiate-Cagno: il Comune incontra i residenti di via Verdi

Si va verso il referendum, fissato per il 10 giugno, per decidere di quello che sarà sulla fusione tra Solbiate e Cagno. Ieri sera, dopo l’incontro della scorsa settimana coi cittadini della Ca’Rossa a Concagno, il sindaco Federico Broggi è sceso in piazza per una chiacchierata coi residenti di via Verdi. Nessun banchetto informativo o qualcosa di troppo formale. Una cosa molto più semplice. Seduti a cerchio, all’aperto, si è chiacchierato di fusione. E il riscontro sul tema è stato più che positivo.

“Sì alla fusione”

Anche durante l’incontro di ieri sera, cui hanno preso parte otto persone, il progetto di fusione ha ricevuto consensi. “Ha partecipato chi aveva difficoltà a poter venire agli incontri pubblici organizzati nelle scorse settimane – spiega il sindaco Federico Broggi – Il clima è stato sicuramente positivo. Le tre persone più anziane ci hanno detto che è impensabile non andare avanti in questo percorso e che la fusione è da fare. A fine serata il riscontro è stato abbastanza unanimemente positivo”.

Leggi anche:  Aggressione a Rovellasca SIRENE DI NOTTE

Domande e risposte sulla fusione

Broggi aggiunge: “C’è chi ci ha chiesto perché dobbiamo portare avanti la fusione. Ne abbiamo discusso, parlando dei servizi che, nel caso non passasse al referendum, potrebbero venir meno. E del fatto che ci sono degli investimenti da poter e dover fare che oggi ci sono preclusi. Con la fusione con Cagno abbiamo la possibilità di migliorare i nostri servizi, ma anche di avere un risparmio economico anche sulla tassazione”.

Il tour non finisce qui

Proseguiranno gli incontri dell’Amministrazione solbiatese per incontrare altri cittadini. Domani un summit in Comune per definire le date.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU