Momenti di tensione nel pomeriggio di ieri ai giardini a lago di Como dove un uomo di origini somale in grave stato di alterazione per abuso di alcool ha importunato due donne e subito dopo ha aggredito un ventenne gambiano.

Importuna due donne e colpisce con una pietra un uomo: arrestato a Como

Intorno alle 17 una pattuglia della Polizia Locale in servizio di controllo del territorio è stata fermata in viale Corridoni da due signore che raccontavano di una persona di colore che poco prima le aveva infastidite. Gli agenti, dopo aver ottenuto la descrizione del soggetto, attivavano immediatamente le ricerche: giunti in via Vittorio Veneto trovavano un individuo le cui caratteristiche corrispondevano alla descrizione raccolta qualche attimo prima, mentre poco distante notavano un secondo extracomunitario, trentacinquenne gambiano, con evidenti abrasioni al collo ed alla testa. Dai primi riscontri sul posto gli operatori appuravano che qualche istante prima, a seguito di un diverbio, il somalo, raccolta una pietra di quasi quattro chili, aveva inferto un colpo al malcapitato. Alla richiesta di documenti l’aggressore è scappato in direzione di Viale Rosselli, dopo un breve inseguimento veniva bloccato.

Momenti concitati

Ci sono stati attimi concitati durante i quali l’uomo ha aggredito gli operatori (un agente ha riportato alcuni giorni di prognosi) sino all’arrivo di rinforzi che consentivano di ammanettare l’uomo e condurlo presso il Comando di viale Innocenzo. Nel corso della perquisizione veniva peraltro trovato addosso al Somalo una dose di mezzo grammo circa di marijuana, posta sotto sequestro con conseguente segnalazione al Prefetto. Sentito il p.m. di turno l’uomo (vecchia conoscenza delle forze dell’ordine avendo ricevuto pochi mesi fa una condanna a due anni per aver aggredito e ferito un poliziotto della Questura) è stato tratto in arresto con processo per direttissima fissato nella mattinata odierna. Numerosi i capi di imputazione contestati fra i quali resistenza, oltraggio a pubblico ufficiale e danneggiamento.

Leggi anche:  Finti addetti del gas a Casnate: proprietari intontiti con lo spray e derubati

Danni ai mezzi in servizio

L’uomo infatti, particolarmente violento, durante il trasporto in comando ha provocato dei danni ai mezzi di servizio. Il gambiano aggredito con un sasso solo per pura fatalità ha riportato lievi ferite (giudicate guaribili in 8 giorni); considerata infatti la dimensione del masso scagliato dall’aggressore la vittima avrebbe potuto subire ben più gravi conseguenze. All’esito dell’udienza svoltasi in mattinata presso il tribunale di Como, l’imputato, Abdi Naasir,  classe 1996, ha patteggiato una pena di due anni che si cumulano ai due già ottenuti per il ferimento del poliziotto e che da oggi sconterà presso il carcere del “Bassone”.

 

L’assessore alla Polizia locale, Elena Negretti: “Tengo a rimarcare il grande impegno sul campo della Polizia locale che dimostra costante attenzione ai problemi della città, e a ringraziare tutti gli agenti che ogni giorno operano a tutela della sicurezza dei cittadini”.