La casa presepe di Maria Basile, a Olgiate Comasco, ha aperto le porte nel pomeriggio odierno, lunedì 9 dicembre nella frazione di Rongio.

La casa presepe: più di 600 statuine nel grande allestimento

Un mese di lavoro per allestire uno scenario che occupa il soggiorno dell’abitazione di Maria Basile. Ogni anno crea il presepe diverso da quello dell’annata precedente, aggiungendo particolari e modificando la disposizione dei vari personaggi. La cura dei dettagli, statuine che si muovono, luci che rendono l’allestimento sempre più suggestivo e anche un sottofondo con i “rumori” degli animali nella grande rappresentazione della natività. Ogni anno, come raccontato dal Giornale di Olgiate, un viavai di visite. E questa volta il sindaco ha voluto inserire il grande presepe tra gli eventi del “Bianco Natale”, il calendario di appuntamenti natalizi.

La visita del primo cittadino

I bimbi restano stupefatti, gli anziani si concedono una passeggiata per raggiungere la frazione e visitare il presepe. Tra i primi a fare capolino oggi, Simone Moretti, sindaco di Olgiate Comasco. Che conferma così l’entusiasmo registrato durante i primi eventi natalizi nei quartieri. “Il presepe è il simbolo per eccellenza della nostra tradizione. In questi giorni, prima al Bontocco e poi alla Stazione, ieri sera a Somaino con la casa illuminata di Claudio Barlume e ora col grande presepe, la cosa più bella è vedere la partecipazione della gente: chi si è impegnato nell’organizzazione delle iniziative e chi le apprezza partecipandovi”.

Leggi anche:  Il trattore si incendia, intervengono i Vigili del fuoco