Bruschi strattonamenti, a volte schiaffi e offese verbali ai danni dai piccoli. Quando il bambino si rifiutava di mangiare, lo costringeva a farlo mettendogli il cucchiaio in bocca e provocandogli il vomito. Oppure se i piccoli si svegliano durante l’ora della nanna, venivano rivoltati bruscamente nella culla. Uno scenario terribile con protagonista un’educatrice, emerso dai video delle telecamere installate all’asilo nido comunale di Cernobbio dopo alcune segnalazioni (QUI I DETTAGLI E IL VIDEO SHOCK).

Maltrattamenti all’asilo di Cernobbio. Il presidente Fontana: “Ora pene esemplari”

“Fatti gravissimi e intollerabili. Vicende inaccettabili i cui responsabili dovranno essere puniti con pene esemplari. Da parte nostra, per cercare di contrastare questo fenomeno odioso, stiamo ponendo in essere azioni concrete. Già da settimana prossima sarà completato il percorso che consentirà di installare telecamere di videosorveglianza nei nidi e micronidi e di formare adeguatamente chi presta servizio negli stessi”. Così il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, e l’assessore alle Politiche familiari, Genitorialità e Pari opportunità, Silvia Piani, commentano i casi di violenza nei confronti di bambini avvenuti a Varzi, nell’Oltrepò Pavese, e a Cernobbio.

Leggi anche:  Si schianta contro un cancello: 28enne in ospedale

Le telecamere negli asili

“La prossima settimana – aggiunge l’assessore Piani – porteremo in Giunta la delibera attuativa che segue all’approvazione della legge regionale della Lombardia che stanzia 600.000 euro per
l’introduzione delle telecamere negli asili nido e di altri 300.000 euro per la formazione del personale e degli operatori. Il nostro obiettivo – aggiunge l’assessore – è duplice: da una parte reprimere e dall’altra prevenire. Per questo, oltre all’installazione delle telecamere, è fondamentale individuare precocemente i segnali di disagio o di maltrattamento. Per raggiungere il risultato occorre favorire lo scambio di informazioni e promuovere azioni che impegnino organismi pubblici e privati a lavorare in rete. Per questo abbiamo affidato alle Ats, che hanno già competenze specifiche, l’aspetto formativo”.