‘Ndrangheta a Cantù. Questa mattina, martedì 19 febbraio 2019, in Tribunale a Como, si sta svolgendo il processo contro i presunti ’ndranghetisti accusati di avere tentato di mettere le mani sulla movida di piazza Garibaldi tra il 2016 e il 2017.

‘Ndrangheta a Cantù

Le investigazioni condotte dalla Compagnia Carabinieri di Cantù, nell’alveo della più articolata indagine milanese, hanno avuto inizio all’indomani di una serie di episodi violenti che hanno interessato il centro cittadino di Cantù e che hanno destato un forte allarme sociale nella popolazione. Nella piazza centrale della città, infatti, si trovano i più frequentati locali pubblici e d’intrattenimento dell’area geografica di riferimento, in grado di richiamare la principale “movida giovanile” della provincia di Como e, di conseguenza, di muovere importanti interessi economici.

Il processo

Oggi, in Tribunale a Como, si è presentato anche l’ex titolare del Grill House che ha parzialmente ritrattato le dichiarazioni spontanee fatte nel 2016 ai Carabinieri di Cantù. “I soggetti che gravitavano intorno al locale erano dei bulli” ha spiegato al giudice.

Leggi anche:  Due sorelle morirono nel rogo: quattro anni dopo fratello indagato per omicidio volontario

Gli approfondimenti sul Giornale di Cantù in edicola da sabato 23 febbraio 2019