‘Ndrangheta Cantù. Oggi, martedì 16 aprile 2019, avrebbe dovuto essere la giornata decisiva per il processo contro i presunti ’ndranghetisti accusati di avere tentato di mettere le mani sulla movida di piazza Garibaldi tra il 2016 e il 2017. La sentenza è invece stata posticipata a venerdì. Nel pomeriggio di oggi gli avvocati difensori concluderanno le loro arringhe.

‘Ndrangheta Cantù la sentenza slitta a venerdì

Dopo le maxi richieste di condanna da parte del Pubblico Ministero Sara Ombra, era infatti prevista per oggi la sentenza per gli imputati (I DETTAGLI). Riconoscendo l’aggravante di associazione mafiosa il Pm aveva chiesto al Tribunale 18 anni di reclusione per Giuseppe Morabito, ritenuto il capo dell’organizzazione malavitosa, 16 anni per Rocco De Pretis, già condannato per la gambizzazione avvenuta nei confronti di Ludovico Moscatello, 16 anni per per Domenico Staiti.  E poi 9 anni e 4 mesi nei confronti di Luca di Bella, 10 anni e 4 mesi per Jacopo Duzioni, 12 anni ad Antonio Manno, già in carcere per il tentato omicidio nei confronti di Andrea Giacalone, 10 anni ad Andrea Scordo, 12 per Valerio Torzillo, 10 anni e 6 mesi per Emanuele Zuccarello.

Leggi anche:  Caduta bici Como ragazza in ospedale

Tutto rimandanto a venerdì quindi per sapere cosa deciderà il Tribunale di Como.

Per approfondire

Il presidente della Commissione Antimafia: “Testimoni terrorizzati”

In aula il titolare della discoteca “Spazio”

M5s: “Situazione che preoccupa”

Il direttore del Progetto San Francesco: “Testimoni impauriti, è grave”

M5S: “Comune e Regione hanno lasciato soli i testimoni”

In Tribunale parla l’ex titolare del Grill House: “Erano dei bulli…”