Nei giorni scorsi, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Milano, coadiuvati dall’Aliquota Carabinieri della Sezione di P.G. della Procura di Milano, hanno dato esecuzione a tre decreti di sequestro emessi dal Tribunale di Milano Sezione Autonoma Misure di Prevenzione, presieduta dal dottor Fabio Roia, nei confronti di tre calabresi, di 36, 39 e 46 anni d’età, tutti già detenuti.

L’operazione “Mare Ionio”

Le misure sono l’esito degli approfondimenti patrimoniali sviluppati, sia attraverso attività tecniche, sia con metodi d’indagine tradizionali tramite l’indagine “Mare Ionio”.  Nell’aprile del 2016 era stata scoperta un’organizzazione criminale composta da sodali organici alla locale di ‘ndrangheta “Ruga-Loiero-Metastasio” che operava nel territorio di Monasterace (RC) e dedita al traffico internazionale di stupefacenti. Le investigazioni, svolte sotto la direzione della Procura della Repubblica di Milano, hanno dimostrato una netta sproporzione tra i redditi dichiarati dagli indagati e dai familiari e il patrimonio nella loro disponibilità, questo anche tramite di intestatari fittizi, ritenuto il frutto dei traffici di stupefacenti.

Tutti i sequestri

In totale, a Trezzano sul Naviglio (MI), Casnate con Bernate (CO), Monasterace (RC), Stilo (RC), Satriano (CZ) e Montepaone (CZ), sono stati sequestrati beni per un valore stimato di circa 5 milioni di euro, consistenti in 3 aziende, 1 palazzina, 2 villette, 3 box, 22 terreni, 5 mezzi per il movimento terra, 3 autoveicoli, 1 motoveicolo, 6 rapporti finanziari, 1.150.560 euro in contanti.

Leggi anche:  Ciclista ferita nell'impatto con un'automobile

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU