Pallacanestro Cantù arriva Jason Burnell.

Pallacanestro Cantù: ecco Burnell

L’Acqua S.Bernardo Pallacanestro Cantù ha annunciato l’ingaggio dell’atleta statunitense Jason Scott Burnell, ala di 201 centimetri per 100 chili. Nato il 15 agosto del 1997 a DeLand, una piccola cittadina della Florida situata tra Orlando e Daytona Beach, Burnell è reduce da quattro anni al college tra Georgia Southern University, St. Petersburg e Jacksonville State, dove ha concluso il suo percorso universitario, producendo nella stagione 2018-’19 un fatturato da 17.2 punti, 9.6 rimbalzi e 3 assist di media a partita.

La scheda

Un lungo con una discreta visione di gioco, dotato di un buon ball handling e che all’occorrenza può essere pericoloso anche da oltre l’arco. Il suo ruolo naturale è quello di ala forte ma grazie alla sua duttilità può farsi valere in altre posizioni. Burnell è una presenza in area, un punto di riferimento spalle a canestro e con la sua agilità sa essere un giocatore efficace.

La carriera

Dopo aver frequentato l’High School di Providence nel Rhode Island, Jason (figlio di Teri e Frank Burnell, allenatore liceale con oltre 30 anni di esperienza) si iscrive alla Georgia Southern University, con cui disputa 24 gare nella stagione 2015-2016. L’annata seguente
si trasferisce a St.Petersburg College, giocando 34 partite a oltre 20 punti e 10 rimbalzi di media. Reduce da una stagione esaltante, Burnell passa ai Gamecocks di Jacksonville, dove rimane per due anni, dal 2017 al 2019. Il primo anno fa registrare 11.2 punti di
media in 35 incontri, di cui 18 da titolare. Il suo secondo e ultimo anno alla Jacksonville State University – dove consegue una laurea in psicologia sui minori con una specializzazione in giustizia penale – fa ancora meglio, totalizzando 550 punti e 308 rimbalzi in 32 partite, disputate peraltro tutte da titolare. Mai nessuno prima di Burnell aveva segnato tanti punti e catturato tanti rimbalzi in una singola stagione con l’università dell’Alabama. 510 punti e 275 rimbalzi i record precedenti. Termina la sua esperienza a Jsu da vero leader, risultando il miglior realizzatore della squadra, nonché il miglior rimbalzista e il migliore negli assist. Suggella il 2018-’19 facendo registrare, in ben tre occasioni differenti, 30 punti (record personale). Contro Murray State il picco nei rimbalzi, 15. Contro Belmont il record di assist in una singola gara: 8.

Leggi anche:  Annegamenti: settimana nera dal Bresciano, al Pavese alla Brianza

Le parole della società

«Diamo il nostro benvenuto a Jason, un giocatore versatile – ha commentato il general manager di Pallacanestro Cantù, Daniele Della Fiori – che in campo può fare tante cose. Burnell è un’ala con ottimo potenziale ma, come per tutti i rookie, fondamentale sarà
agevolare il suo adattamento al basket europeo».

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU