Ennesimo pedone investito in Viale Masia a Como.

Pedone investito la posizione del Codacons

Quarto investimento in pochi mesi all’attraversamento pedonale di viale Masia. Una donna di 49 anni portata ieri mattina al Sant’Anna in codice giallo. La fascia a rischio è quella tra le 10.30 e le 11.30 per il sole che abbaglia gli automobilisti vicino alle strisce pedonali. Un anno fa un morto e quattro feriti.

Il problema per il pedone è purtroppo annoso

“Le prime segnalazioni del pericolo che corrono i pedoni risale addirittura alla fine degli anni Ottanta. Fino all’inizio dell’estate quello alla fine di viale Masia rimarrà probabilmente il passaggio pedonale a maggiore rischio della città di Como, così come in precedenza era avvenuto per le strisce pedonali di viale Giulio Cesare. Inconcepibile che dopo quasi trenta anni dalle prime segnalazioni di pericolo ed addirittura una vittima, la cittadinanza dovrà attendere ancora cinque mesi per la messa in sicurezza” spiega il Codacons.

Leggi anche:  Scoppia una rissa a Como SIRENE DI NOTTE

Esposto alla procura della repubblica

“Provvederemo ad effettuare un esposto alla Procura della Repubblica, affinché venga rilevata la commissione di eventuali reati omissivi da parte del comune. Il problema in ogni caso rimane a monte, ovvero la liberazione del centro abitato dalle auto, obiettivo che l’amministrazione comunale sembra non voglia perseguire ed i risultati, tra gli altri (tutti negativi per la salute ed il benessere della cittadinanza), sono questi”.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU