Ragazzine importunate e inseguite da un uomo: è successo ieri a Olgiate Comasco, alla fermata del bus in via Vittorio Emanuele.

Ragazzine importunate: prese di mira, poi la fuga per mettersi al sicuro

Tre minorenni alla fermata del bus, in centro a Olgiate Comasco. Pochi minuti alle 18. Un giovane, apparentemente sui 20-25 anni, di origine africana, si avvicina alle giovanissime. Qualche frase in segno di apprezzamento. Via via si fa più insistente: “Siete bellissime”. Poi il gesto di dare dei baci. Le ragazzine a quel punto prendono paura. E si allontanano dalla fermata del bus. Attraversano la strada statale e si dirigono verso via Milano, oltrepassando la zona del mercato. Intanto lo sconosciuto le segue. Loro affrettano il passo e decidono di raggiungere la frazione di Rongio, con la certezza di incontrare un familiare di una delle tre. Ma lo sconosciuto continua a seguirle, sino a oltrepassare l’incrocio con via Segantini. Le ragazzine arrivano dove possono sentirsi al sicuro e vedono che l’uomo, finalmente, desiste, tornando sui suoi passi.

La testimonianza

“Si sono spaventate, dopo essere state importunate – racconta un familiare di una delle tre giovanissime – Poi sono state seguite per un lungo tratto in via Milano fino a quando quel tizio, che dalla descrizione avrà avuto sui 20-25 anni,  ha lasciato perdere. Non voglio far clamore, perché non è successo niente di grave, anche se le tre amiche si sono spaventate. Io mi sono limitato a parlare dell’episodio col consigliere comunale Marco Bernasconi: conoscendolo, so che è attivo in Comune, magari avrebbe potuto fare qualcosa di utile”.

Leggi anche:  Scomparso comasco in Valmalenco, spunta pure il veggente

Le parole del consigliere Bernasconi

Il consigliere dei Liberali pesa le parole. Così come la famiglia da cui ha ricevuto la segnalazione, Marco Bernasconi non vuole suscitare allarmismo. Ritiene importante, però, esternare una riflessione in chiave preventiva. “Sempre meglio alzare la soglia di attenzione, soprattutto quando ci sono di mezzo minorenni, anche in orari che si penserebbe non essere a rischio. Sempre meglio un controllo in più, per prevenire e tutelare i cittadini. Doveroso, quindi, chiedere di prestare massima attenzione proprio per prevenire episodi preoccupanti”.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU