Scosse di corrente alla fidanzata brianzola, poi tenta di strangolarla.

Scosse di corrente alla fidanzata

Una notte da incubo quella che ha vissuto una donna residente a Triuggio, in Brianza, picchiata ripetutamente dal fidanzato 35enne, di nazionalità egiziana.  Come riporta il giornaledimonza.it l’uomo – residente a Sesto San Giovanni – sabato sera si è presentato davanti al posto di lavoro della donna, pensando probabilmente di coglierla in atteggiamenti affettuosi con altri uomini e avere così la prova del suo tradimento. La donna ha sempre negato di avere un altro. E sabato ha deciso di salire sull’auto del fidanzato, raggiungendo poi l’abitazione di Triuggio. E qui è iniziata la nottata da incubo.

Ha tentato di strangolarla, poi l’ha picchiata con una bottiglia

In casa, il 35enne ha cominciato a insultare e a picchiare selvaggiamente la fidanzata, prima costringendola a toccare un cavo elettrico scoperto. Il salvavita si è disattivato. L’uomo lo ha riattivato, per poi avvolgere lo stesso cavo attorno al collo della fidanzata, nel tentativo di strangolarla. Ha infine afferrato una bottiglia, scagliandosi addosso alla donna e colpendola ripetutamente su tutto il corpo. Alle 5 del mattino di domenica, una volta calmatosi il 35enne, la vittima è riuscita a uscire dall’appartamento, arrivando al Pronto soccorso del San Gerardo di Monza.

Leggi anche:  Traffico illecito di rifiuti nel Milanese: arrestate 15 persone VIDEO

Ha trovato la forza di denunciare

Domenica, davanti ai poliziotti intervenuti al San Gerardo, la donna ha trovato finalmente la forza di presentare querela. E per l’uomo – con alle spalle precedenti per lesioni, tentata estorsione e guida in stato d’ebrezza – è scattata la denuncia.

LEGGI QUI TUTTI I PARTICOLARI