I militari della Tenenza di Mariano Comense hanno messo in atto un’attività info-investigativa finalizzata al contrasto e alla repressione delle fenomenologie criminali connesse con lo spaccio di sostanze stupefacenti.

Spaccio tra Mariano e la Provincia di Monza: arrestato un tunisino

Al termine dell’attività finalizzata al contrasto delle fenomenologie criminali connesse con lo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno dato esecuzione alla misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Gip del tribunale di Monza, a carico di S. K., cittadino tunisino classe 1991, residente a Mariano Comense.

Le indagini

Il lavoro dei militari ha consentito di cristallizzare numerosi episodi di spaccio di narcotico avvenuti nel corso del 2019 nei comuni di Mariano Comense, Seregno, Giussano e Cesano Maderno (Provincia di Monza e Brianza). L’operazione arriva a corollario di una meticolosa attività di informativa, investigativa e di controllo del territorio condotta dai militari e che, il 19 aprile 2019, aveva portato all’arresto in flagranza di S.K. L’uomo era stato sorpreso dai militari nell’atto di consegnare una dose di 1 grammo di sostanza stupefacente del tipo “cocaina” ad un acquirente, segnalato amministrativamente quale assuntore detta sostanza ad autorità competente. Nel corso delle perquisizioni personale e domiciliare è stato rinvenuto, nella disponibilità del reo, denaro contante sui 900 euro, ritenuto provento dell’illecita attività e posto in sequestro penale unitamente al narcotico rinvenuto. L’arrestato è stato agli arresti domiciliari.