Sembra non avere mai fine il caso della strage di Erba. I legali di Olindo Romano e Rosa Bazzi sono ricorsi nuovamente in Cassazione. La coppia è stata accusata, e condannata all’ergastolo, per aver ucciso Raffaella Castagna, il figlio Youssef Marzouk, la madre Paola Galli e la vicina di casa Valeria Cherubini. Il marito di quest’ultima, Mario Frigerio, presente sul luogo, si è salvato perché creduto morto dagli assalitori.

Strage di Erba altro ricorso in Cassazione per Rosa e Olindo

A riportare la notizia è l’Ansa. I coniugi hanno fatto ricorso in Cassazione per ottenere di analizzare reperti mai esaminati trovati sul luogo della strage. Si tratta di campioni biologici dai quali potrebbero essere tratti “profili genetici non rilevati durante le indagini espletate nel 2007” e un accendino trovato sul pianerottolo dell’appartamento in cui avvenne il massacro.

Udienza a settembre

Gli avvocati chiedono anche l’accesso ai server in cui sono depositati i file delle intercettazioni. Una prima richiesta era già stata bocciata nei mesi scorsi dalla Corte d’assise di Como. Da qui un nuovo ricorso alla Suprema corte perché disponga gli accertamenti in funzione di un’istanza di revisione della sentenza. L’udienza è fissata per il 12 settembre.

Leggi anche:  Va in discoteca con gli amici, arrestato per evasione

LEGGI ANCHE >> Le Iene mettono in dubbio le prove 

LEGGI ANCHE >> Il dolore dei fratelli Castagna