Giuseppe Prina, 75 anni, parroco della chiesa del Santissimo Redentore di Legnano è morto venerdì mattina 18 maggio. Parroco della chiesa del Redentore a Legnano, ma che aveva iniziato il suo percorso sacerdotale a Canzo.

Ultimo saluto a don Giuseppe Prima

È il giorno dell’addio. Chiesa del Redentore gremita questa mattina, lunedì 21 maggio, a Legnano per l’ultimo saluto a don Giuseppe Prina. Non fiori ma offerte alla Caritas parrocchiale di Legnano è stata la richiesta per quanti partecipano al lutto.

I presenti

La chiesa è gremita di gente. Presenti le autorità civili e militari che hanno voluto cingere di un abbraccio i famigliari e i fedeli che oggi piangono la scomparsa dell’amato sacerdote, dal 1996 guida della comunità di Legnanello. Presenti oltre 40 preti, molti dei quali sono stati guidati da lui nel loro cammino di fede verso l’ordinazione. E le suore canossiane che gli erano molto care fin dai tempi di Magenta e che è stato felicissimo di ritrovare a Legnano.

Le parole dell’arcivescovo

L’arcivescovo non ha potuto essere presente perché oggi pomeriggio sarà a Roma ma ha mandato una lettera letta da don Fabio. “Don Giuseppe era un uomo di Dio” esordisce il vicario episcopale.

Leggi anche:  Provoca incidente e fugge: il pirata della strada è marianese

La sepoltura

Originario di Magenta, dopo il funerale don Giuseppe sarà seppellito in quella città. E proprio a Magenta oggi pomeriggio alle 15.30 nella chiesa di San Martino sarà celebrata una messa in suffragio.

Le parole del prevosto monsignor Angelo Cairati

“In occasione dell’ultimo Natale per quanto già malato ha voluto andare nelle case per la benedizione. Voleva salutarli. Consola sapere che la chiamata di Dio è arrivata subito dopo la celebrazione dell’eucarestia. Venerdì mattina avete potuto sentire per l’ultima volta la parola di Dio attraverso di lui.”