Domenica 10 novembre, a Pomaretto (TO), si è svolta la cerimonia di conclusione e l’assegnazione della prima edizione del Marchio Nazionale di Qualità Ambiente di Vita – Comune Fiorito. Tra i Comuni premiati, la Città di Cernobbio, che si aggiudica anche un premio speciale.

Comune fiorito: il marchio nazionale anche a Cernobbio

In occasione del Meeting Nazionale è stato assegnato il Marchio di Qualità dell’Ambiente di Vita a un totale di 47 Comuni italiani, tra i più di 60 partecipanti. Unico comune della provincia di Como (e terzo in Lombardia) è proprio quello di Cernobbio.

Durante lo scorso agosto, la giuria intersettoriale, ha visita più volte la Città; i giurati non si sono limitati a visionare le fioriture dei luoghi più apprezzati della città, tra cui le ville e le aiuole in Riva con l’allestimento temporaneo della fontana, ma si sono recati anche nelle frazioni, in particolare al Centro civico di Piazza S. Stefano destinato dall’amministrazione comunale a polo della cultura del verde, e al Centro Raccolta rifiuti di viale Matteotti.

Ciò che ha contribuito all’assegnazione di questo premio, è stata l’attenzione per la tutela ambientale e la partecipazione dei residenti in programmi di pulizia ed educazione ambientale.

Un premio speciale

Oltre a questo importante riconoscimento, il Comune di Cernobbio si è aggiudicato anche il 2° posto per l’albergo fiorito con l’Albergo Miralago. Si tratta di un premio speciale assegnato a persone e amministrazioni virtuose in particolari ambiti.

Un efficace lavoro di squadra

Il primo cittadino cernobbiese, Matteo Monti, si dichiara “Molto soddisfatto per questo primo risultato, frutto di un efficace lavoro di squadra che deve continuare nel tempo insieme ai cittadini, ai volontari delle associazioni, al mondo produttivo e alle scuole. Sono anche molto onorato per questo riconoscimento perché l’obiettivo del marchio è certificare le Amministrazioni comunali che si impegnano attivamente nel miglioramento del quadro di vita quotidiano sia arricchendo le fioriture sia stimolando la comunità a buone pratiche per il rispetto dell’ambiente. Insieme agli assessori e agli uffici comunali abbiamo ben chiari questi obiettivi e ci prefiggiamo di raggiungerli al meglio anche attraverso le iniziative di “Qui c’è campo” e il lavoro di squadra con il nostro “Tavolo del verde” costituito con le associazioni del territorio e Fondazione Minoprio”.

Gli altri Comuni

La Commissione Nazionale, composta da professionisti selezionati tra i principali esponenti del settore florovivaistico, ha premiato ben 47 Comuni con il Marchio Nazionale di Qualità dell’Ambiente di Vita – Comune Fiorito, a dimostrazione dell’ottima qualità dimostrata nella partecipazione di quest’anno.

Leggi anche:  Tutta la Magia del Natale in Valle D’Aosta. E c'è anche un'App

In ordine alfabetico: Alba (CN), Arvier (AO), Avigliana (TO), Ayas (AO), Bellegra (RM), Bussolengo (VR), Cabella Ligure (AL), Cellamonte (AL), Cernobbio (CO), Cervia (RA), Collinas (SU), Fai della Paganella (TN), Faedo (TN), Fivizzano (MS), Gangi (PA), Gattinara (VC), Geraci Siculo (PA), Grado (GO), Ingria (TO), Lamporo (VC), La Thuile (AO), Lignano Sabbiadoro (UD), Limone sul Garda (BS), Molveno (TN), Monfalcone (GO), Nughedu Santa Vittoria (OR), Orsara di Puglia (FG), Pinasca (TO), Piobesi Torinese (TO), Pomaretto (TO),Ponzano Monferrato (AL), Prè Saint Didier (AO), Ronco Canavese (TO), Santo Stefano di Camastra (ME), Sinagra (ME), Soverzene (BL), Sorradile (OR), Spello (PG), Tavagnasco (TO), Terme Vigliatore (ME), Treville (AL), Trieste (TS), Tusa (ME), Unione di Bellano e Vendrogno (LC), Vigliano Biellese (BI), Villareggia (TO), Usseaux (TO).

I Comuni saranno visitati ufficialmente ogni 3 anni, per accertare che vengano sempre rispettati i criteri che hanno determinato il rilascio del Marchio.