La stagione 2019 di Villa Carlotta, celebre dimora di Tremezzina, si apre con una mostra fotografica “Chiare, fresche e dolci acque. Viaggi fotografici sul Lago di Como”. L’esposizione, che sarà aperta al pubblico fino al 9 giugno, ripercorre un secolo di vita lariana e di storia della fotografia.

A Villa Carlotta per scoprire il Lario e la fotografia

Le opere esposte fanno parte di un fondo di oltre 3mila fotografie, raccolte con sapienza e meticolosità dal collezionista comasco Ruggero Pini, che lo scorso ottobre ha pubblicato il volume “La memoria dello sguardo”. Un viaggio che parte nell’Ottocento con Luigi Sacchi e Pompeo Pozzi e termina con le istantanee di Alfred Stieglitz.

“In mostra ci sono per lo più foto relative al paesaggio del Centro Lago o che vedono protagonista Villa Carlotta, abbiamo fatto una selezione – spiega Pini – E’ un’esposizione molto legata al paesaggio lariano, è l’occasione per scoprire com’era un tempo”. Il collezionista infatti è un esperto del settore. “Ho cominciato collezionando materiale iconografico, poi casualmente, mentre mi trovavo a Parigi, ho scovato del bellissimo materiale fotografico sul Lago di Como. E da lì, proprio come una ciliegia tira l’altra, ho iniziato a collezionare scatti ma anche a capire di più la fotografia e il suo legame con il lago.

Leggi anche:  Gran Paradiso Film Festival, che successo!

Non a caso tra le fotografie preferite di Pini c’è uno scatto che Alfred Stieglitz fece nel 1847 a Bellagio. “Immortala una venditrice di verdure e suo fratello: ho cercato di ricostruire la loro storia ma purtroppo non restarono a lungo a Bellagio e si persero le loro tracce” spiega Pini.

La mostra

Gli appassionati di fotografia storica del nostro territorio non potranno quindi mancare a questo appuntamento. La mostra è suddivisa in quattro sezioni: una prima sala è dedicata a Villa Carlotta, di cui saranno esposte fotografie che documentano la villa dalla metà  ell’Ottocento agli anni ’30 del Novecento; la seconda sezione raccoglie gli scatti di fotografi italiani e stranieri che hanno viaggiato sul lago e ne hanno ritratto le bellezze e annovera opere di Alfred Stieglitz, Giacomo Brogi, Giorgio Sommer e degli Alinari. La terza sezione, infine, è a tema etnografico e mette in mostra immagini della vita, dei mestieri e delle imbarcazioni tipiche del Lario. La mostra si chiude infine con una sala dedicata ai paesi e paesaggi del centro lago, ove si trova Villa Carlotta.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU

Foto di copertina: Carlo Bosetti, Tremezzo, Villa Carlotta, albumina, 1890 c.a.