Un ritorno in grande stile quello del Tremezzina Music Festival che, dopo il mancato appuntamento dello scorso anno, questa estate è pronto a festeggiare con il suo pubblico la sedicesima edizione. E con essa sono in programma diverse novità: molto è cambiata la manifestazione negli anni, non più semplicemente un festival jazz bensì un evento musicale a tutto tondo che vuole far scoprire al grande pubblico generi “di nicchia”.

La rinascita del Tremezzina Music Festival parte dalla collaborazione della vecchia guardia, il fondatore Marco Zanotta che diventa direttore artistico, con Music for Green Events di Gabriele Gambardella, papà di eventi e format di successo come la Jazz Week e la Green Week comasche.

Tremezzina Music Festival: il programma

Le due anteprime di Cernobbio omaggeranno il genere da cui è partito il Festival, il jazz, ma faranno anche scoprire il swing. Alle 21.30 in Riva l’8 agosto suonerà la All Star Dixieland Orchestra mentre il 9 sarà la volta del Scoca Meneghello Furian Trio.

Leggi anche:  Coldiretti Como-Lecco: "Il nostro Lago è una rampa di lancio per il made in Italy nel mondo”

Quindi le tre serate clou a Tremezzina, ognuna delle quali proporrà un genere differente. Il 12 agosto si esibiranno Camilla Barbarito, Fabio Marconi e Guido Baldoni in “Il sentimento popolare”, a seguire ci sarà la musica gitana dello storico Rhapsodija Trio.

Quindi la serata del 13 agosto, dedicata alle origini, al jazz. La Monday Orchestra del maestro Luca Missiti suonerà colonne sonore di celebri film arrangiate in chiave jazz.

La rassegna si chiuderà quindi il 14 agosto con una serata dedicata al blues. Prima si esibirà il Veronica Sbergia & Max De Bernardi Trio, poi da Boston arriva Watermelon Slim Downhome Blues feat. Max Prandi.

Tutti gli spettacoli sono a ingresso gratuito, per informazioni tremezzinamusicfestival.it.