Mercoledì 11 aprile alle 17.30, all’Istituto San Vincenzo in via Garibaldi 54, si terrà il convegno “Una buona mossa. Strategie e tattiche degli scacchi per crescere nella vita”. Il giorno successivo, giovedì 12 aprile, dalle 9 al LarioFiere in via Resegone, si terrà la finale regionale dei campionati giovanili studenteschi di scacchi per le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado.

Erba capitale regionale di scacchi

Il convegno “Una buona mossa”, coordinato dall’addetto stampa della FSI (Federazione Scacchistica Italiana), Adolivio Capece, sarà un momento di confronto e riflessione sul ruolo formativo e pedagogico di questa disciplina sportiva. Momento clou del convegno sarà la testimonianza di Luca Moroni, il 17enne scacchista, campione italiano assoluto e studente con ottimi voti al liceo scientifico “Ettore Majorana” di Desio. Moroni racconterà la sua storia, da come si è avvicinato agli scacchi a come questa disciplina l’abbia aiutato a scuola a crescere, fino ai suoi progetti futuri.

Finale regionale dei campionati giovanili di scacchi

Giovedì 12 aprile dalle 9 a LarioFiere, alla Finale Regionale dei Campionati Giovanili Studenteschi di Scacchi, più di 550 giovani, qualificati dalla fase provinciale e provenienti da quasi tutte le province lombarde,si sfideranno alle 280 scacchiere e si contenderanno la partecipazione alla finale nazionale a Montesilvano (Pe) dal 10 al 13 maggio.

Leggi anche:  Cinema sotto le stelle, stasera di scena The Post

Campione quatordicenne affetto da smard 1

Nel pomeriggio, LarioFiere ospiterà Francesco Cucca, il campione quattordicenne iscritto al Circolo Scacchi Lodi affetto da Smard 1, una patologia neuromuscolare rarissima che non gli permette di camminare, muovere le braccia e respirare da solo. Recentemente Cucca ha vinto la sfida “Uno contro tutti”, organizzata in occasione dell’evento “Scacco matto alle malattie rare” svoltosi a Como al Teatro Sociale, sbaragliando dodici avversari in altrettante partite. A Francesco verrà consegnata una delle quattro borse di studio del valore di mille euro che ogni anno la Federazione Scacchistica Italiana mette a disposizione a giovani campioni affetti da disabilità.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU