L’Università dell’Insubria propone e ospita la mostra “Colore, colore, colore. 50 scatti di Giorgio Lotti tra natura, luce e astrazione cromatica”, dedicata a un insigne esponente della fotografia italiana e internazionale del XX e XXI secolo, milanese di nascita ma varesino d’adozione. L’inaugurazione è in programma mercoledì 9 ottobre alle 10 al Padiglione Morselli, alla presenza dell’artista, del rettore dell’ateneo Angelo Tagliabue e dei curatori.

Le fotografie del maestro Giorgio Lotti in mostra all’università Insubria

Ideata da Andrea Spiriti, presidente del Crisac, Centro di ricerca sulla storia dell’arte contemporanea dell’Insubria, l’esposizione è curata da Laura Facchin e Massimiliano Ferrario e apre un ciclo dedicato all’arte fotografica nell’ambito del programma di mostre già avviato nella sede del rettorato. La raccolta di cinquanta scatti è parte della più ampia ricerca tematica condotta da Lotti, sin dagli anni Settanta, sulla triade astratta linea-forma-colore e ben testimonia la capacità di fare dialogare fotografia e pittura. Le opere fanno parte di due cicli tematici: “Luce e Mare” e “Luce, Colore, Emozioni”.

Aprono e chiudono il percorso espositivo due fotografie che affiancano, al protagonismo dei colori, la figura umana e la componente segnico-scrittoria. La prima è intitolata “La luce, il sole, l’uomo. Questa stupenda storia che è la luce”; nella seconda, un Autoritratto, campeggia la dicitura “Art. Fotografi Italiani”, omaggio alla grande fotografia artistica italiana. Come spiegano i curatori: “Quella proposta da Lotti, da sempre attratto dalle convergenze artistiche, omaggiate in vari ritratti dedicati ai grandi maestri dell’arte del Novecento, è la prova del fatto che fondendo l’estro, la creatività e la tecnica allo spettacolo che la natura pone quotidianamente dinanzi agli occhi di chi è in grado di coglierne e valorizzarne le intrinseche sfumature liriche ed estetizzanti, è possibile dipingere anche con un obiettivo fotografico. Il risultato è un ricercato effetto di variabilità cromatica e ottico-percettiva, ottenuto fissando sulla pellicola i giochi di colore naturalmente determinati dalla superficie dell’acqua al mutare delle condizioni luminose, climatiche, stagionali. Il tutto senza alcun intervento di post-produzione, ma sfruttando unicamente le potenzialità della macchina e l’abilità del fotografo, capace di restituire, in un singolo scatto, sbalorditivi effetti cromatici e luministici che nulla hanno da invidiare a un’opera pittorica di Astrattismo Lirico, Espressionismo Astratto, Color-Field Painting, Informale, od Op Art”.

Leggi anche:  Al Teatro Sociale le pazienti oncologiche salgono sul palco

“Colore, colore, colore. 50 scatti di Giorgio Lotti tra natura, luce e astrazione cromatica” si visita, con ingresso libero, dal 9 ottobre sino al 7 gennaio a Varese, Padiglione Morselli, via Otorino Rossi 9, dal lunedì al venerdì ore 9-19.