Montagna last minute? E’ vero che molti aspettano l’ultimo istante per prenotare il proprio week-end sulla neve ma è anche vero che la maggior parte dei turisti preferisce assicurarsi con un po’ di anticipo le migliori tariffe. In realtà, però, più spesso si scelgono le località turistiche in base al periodo dell’anno. A rivelarlo l’indagine Gente da Neve 2019 condotta da Expedia.it su un campione di 1000 intervistati.

Montagna last minute, una scelta gettonata

Stando all’esito del sondaggio, alla domanda “Quando prenoti di solito le tue vacanze sulla neve” ben il 26% del campione ha risposto: “All’ultimo minuto perché scelgo le località con la neve migliore”, una percentuale importante, ma il last minute per quanto gettonato non è sempre vincente.

Prenoto il prima possibile

Si potrebbe allora pensare che gli sciatori preferiscano prenotare il prima possibile per assicurarsi le tariffe migliori. Ebbene, è vero che ha risposto in questo senso quasi il 30% del campione, ma anche questa non è la risposta che ha raccolto il maggior numero di consensi.

Prenoto nel posto migliore in base al periodo

Ebbene sì, è questa la risposta vincente. Si prenota nelle località che offrono i migliori impianti per gli sport invernali a seconda del loro clima in un determinato periodo dell’anno. Ha risposto in questo senso, infatti quasi il 33% degli intervistati.

Prenoto sempre nello stesso posto

Infine, si potrebbe pensare che gli italiani siano affezionati in modo particolare sempre alle stesse località sciistiche. Invece non è così, infatti, solo il 5% del campione ha dichiarato di prenotare sempre nella stessa località ogni anno e di farlo il prima possibile per approfittare delle migliori tariffe di hotel e impianti.

Montagna last minute, cosa fare in vacanza

Che si prenoti subito, o si aspetti il più classico dei last minute è importante che la località e l’hotel prescelti offrano alternative interessanti una volta tolti sci e snowboard. Terminata la giornata sulla neve, infatti, si preferiscono in modo particolare attività legate al benessere (Spa nel 40% delle risposte e sauna nel 31% dei casi). Il 36% degli intervistati invece si dà allo shopping, mentre il 41% alla visita del territorio.

La parola all’esperto

“Molti sciatori italiani sono fortunati perché possono decidere di concedersi una giornata sugli sci anche all’ultimo secondo. È anche vero però che se l’intenzione è quella di prenotare una notte in hotel potrebbe essere una buona idea farlo con un po’ di anticipo, per avere una scelta più ampia tra gli alberghi disponibili vicino alle piste. Sicuramente lo è se l’intenzione è quella di poter scegliere un albergo con una spa, visto che una volta tolti gli sci, le lunghe serate invernali regalano un po’ di ore che in molti amano sfruttare per rilassarsi in sauna o nell’idromassaggio” ha dichiarato Michele Maschio di Expedia.it.

Dove andare, allora?

Nelle strutture ricettive più belle a attrezzate nelle migliori località sciistiche distanti 3-5 ore da casa (il 40% è disposto a sopportare un viaggio di questa durata), regalandosi una vacanza magari breve, ma sicuramente rigenerante. Che si preferiscano Dolomiti o Alpi Centrali, Val D’Aosta o Piemonte, non importa!