Parte oggi e proseguirà fino al 6 maggio la tredicesima edizione di Chiasso Letteraria, il festival di letteratura internazionale che si tiene ogni anno sulla città di confine tra Italia e Svizzera.

La tredicesima edizione ha come titolo “TABÙ”, tema che verrà declinato nelle sue accezioni letterarie, artistiche, psicologiche, socio-culturali e politiche. Il concetto di tabù presenta un carattere ambivalente designando persone, oggetti, luoghi o comportamenti degni di attenzione e rispetto o potenzialmente contaminanti e da evitare. Tra sacro e profano, tra puro e impuro, non esiste cultura che non si sia confrontata con il concetto liminare di tabù.

Chiasso Letteraria tanti ospiti internazionali

Le scrittrici e gli scrittori internazionali ospiti racconteranno il mondo affascinante e inconfessabile dei tabù: Dany Laferrière condurrà con la sua maestria nella cucina dello scrittore e dei tabù che lo scrittore deve affrontare; Jan Brokken parlerà dei tabù politici ed estetici con i quali si sono confrontate le avanguardie artistiche in Russia. La voce di Milo De Angelis vibrerà nei tabù che la poesia è chiamata a infrangere per mantenere la propria vocazione di autenticità; mentre Donatella Di Pietrantonio porterà il pubblico al cuore dei tabù familiari, quei tabù capaci di segnare una vita intera.

Se Tom Drury farà conoscere i tabù radicati nelle comunità rurali del Midwest americano, Alberto Nessi condurrà i visitatori con passo lieve lungo il sentiero dei piccoli grandi tabù che scandiscono la vita sulla frontiera. L’attenzione all’altro si declinerà con forza e coerenza grazie a Davide Enia, che farà confrontare tutti con i tabù che l’umanità è chiamata a combattere per dirsi veramente tale. Max Lobe, invece, mostrerà con un’ironia senza peli sulla lingua i tabù dei quali è oggetto lo “straniero” nel difficile percorso dell’integrazione.

Leggi anche:  La Città dei Balocchi augura buon Natale con il Grande Concerto in Duomo

Dal suo osservatorio geopolitico, Loretta Napoleonici svelerà i segreti che regolano le dinamiche della criminalità organizzata, del terrorismo e della tratta di essere umani. Con Burhan Sönmez si scenderà senza compromessi nel vivo dei tabù del silenzio e della censura, quelli che lo scrittore deve superare per dire la sua verità, anche a costo di essere imprigionato o torturato. L’antropologo Marino Niola interverrà invece sui totem e i tabù delle tribù alimentari. Senza dimenticare che lo psicanalista e saggista Massimo Recalcati cercherà di svelare i tabù profondi che al contempo agitano e strutturano la nostra psiche e l’immaginario collettivo.

Per il programma completo e tutti gli eventi collaterali è possibile consultare il sito www.chiassoletteraria.ch.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU