Potranno essere presentate dalle  12 del 10 luglio sino alle  12 del 16 settembre 2019 le domande per partecipare al bando “Turismo e Attrattività” di Regione Lombardia che prevede uno stanziamento di 1 milione e 200 mila euro a sostegno della competitività delle imprese turistiche nei territori delle aree interne dell’Alto Lago di Como e Valli del Lario.

Turismo sul Lago: in arrivo 1 milione e 200mila euro da Regione Lombardia

“Una misura che segue in pieno la filosofia che sta guidando la mia attività istituzionale – dice l’assessore regionale al Turismo, Marketing Territoriale e Moda, Lara Magoni -; l’obiettivo è valorizzare e promuovere i piccoli borghi della nostra regione con un notevole potenziale attrattivo. Un’attrattività che deve passare per forza di cose dall’elevata qualità dei servizi offerti ai visitatori. Ecco perchè Regione Lombardia sostiene le imprese ricettive alberghiere e non alberghiere: proporre strutture moderne e confortevoli rappresenta certamente un valore aggiunto in grado di invogliare maggiormente i turisti a visitare le nostre splendide località”.

Chi può partecipare

I soggetti beneficiari del bando sono le imprese, le ditte individuali e i soggetti titolari di attività di bed and breakfast. Il bando promuove la realizzazione di progetti di riqualificazione delle strutture ricettive alberghiere, extra-alberghiere e dei pubblici esercizi. I progetti di riqualificazione devono riguardare i seguenti settori: enogastronomia & food experience; natura & green; sport & turismo attivo; terme & benessere; fashion e design; business congressi & incentive.

Leggi anche:  Non ci resta che ridere: i Legnanesi tornano a Milano

Le imprese beneficiarie delle aree interne dell’Alto Lago di Como e Valli del Lario dovranno esercitare la loro attività nei seguenti Comuni: Cremia, Domaso, Dongo, Dosso del Liro, Garzeno, Gera Lario, Livo, Montemezzo, Musso, Peglio, Pianello del Lario, Sorico, Stazzona, Trezzone, Vercana, Gravedona ed Uniti, Bellano, Casargo, Colico, Cortenova, Crandola Valsassina, Dervio, Dorio, Esino Lario, Margno, Pagnona, Parlasco, Premana, Sueglio, Taceno, Valvarrone, Vendrogno.

Nuova linfa vitale all’economia locale

“Si tratta di interventi che oltre a valorizzare il turismo possono dare nuova linfa vitale all’economia locale, grazie ad uno sviluppo sostenibile e alla creazione di nuovi posti di lavoro – aggiunge l’assessore Magoni -; un chiaro segnale di come la promozione di località meno note, la riscoperta delle tradizioni e delle eccellenze culturali, artistiche ed enogastronomiche dei nostri territori debbano andare di pari passo ad un’offerta turistica a 360 gradi, con un’offerta ricettiva di alto livello e benefici per il  tessuto economico ed imprenditoriale locale”.

Le spese ammissibili

Le spese ammissibili riguardano gli arredi, i macchinari e le attrezzature; l’acquisto di hardware e software; opere edili, murarie e impiantistiche; la progettazione e la direzione lavori per un massimo dell’8% della voce di spesa.  Le domande di contributo devono essere presentate esclusivamente in forma telematica accedendo al portale www.bandi.servizirl.it e compilando l’apposita modulistica.