La Cisl dei Laghi oggi, giovedì 21 marzo 2019, ha comunicato i dati del tesseramento per ciascuna federazione sul territorio riferito al 2018.

Cisl dei Laghi: i dati sul tesseramento

Rispetto al 2017 risulta un aumento del numero di tessere con 2.837 unità in più e una variazione percentuale complessiva del 2,31%. Sia la provincia di Como che quella di Varese fanno segnare un aumento percentuale, nel biennio, pari a poco più del 9,9%. Como ha mantenuto un numero di tessere superiore del 3% rispetto al territorio di Varese.

Settore e categoria

Il totale degli iscritti nel 2018 è pari a 125.576 unità di cui 69.464 attivi  e 56.112 pensionati. All’interno del dato si registrano 20.903 nuovi iscritti rispetto al 2017. In calo, anche se contenuto, il numero di tessere relative ai macrosettori industria e pensionati, affiancati da contrazioni maggiormente significative dei macrosettori agroindustria, pubblica amministrazione e trasporti. Segno positivo il settore terziario, quello riferito al lavoro atipico e internale ed i frontalieri, seguiti, in misura percentuale minore, dalle tessere relative all’Ufficio stranieri.

In aumento i giovani iscritti

Si registra anche un aumento della componente maschile rispetto al totale dei tesserati che dal 2016 al 2018 risulta pari ad oltre un punto percentuale, passando dal 44,97% dei tesserati uomini nel 2016, al 45,73% del 2018. Stabili invece le donne che registrano il 49,12% sul totale nel 2016 ed il 49,19 nel 2018. In aumento le iscrizioni dei giovani fino a 30 anni, che passano dal 3,29 del totale 2016, al 4,72% del 2018, abbastanza stabili gli iscritti nella fascia compresa tra i 31 e i 65 anni, con il 49,33% all’inizio del triennio e il 49,67% al termine dello scorso anno, gli over 66 diminuiscono, spostando le percentuali dal 41,33 al 40,37% nel periodo considerato.

Leggi anche:  Conto Rinnovabili, prima iniziativa in Europa di agevolazioni e incentivi privati per le piccole e medie imprese

Le vertenze

Nel 2018 sono stati assistiti 1.658 lavoratori di cui 1.140 in vertenze individuali e 518 nelle procedure concorsuali. Rispetto al 2017 si registra un incremento del 22% nelle vertenze individuali e del 4,22% nelle procedure concorsuali.

Per le vertenze individuali

712 lavoratori per il recupero crediti
156 lavoratori per contestare il licenziamento.

Nel corso del 2018 sono stati recuperati per i lavoratori assistiti in vertenze circa 2.132.665€, mentre attraverso le procedure concorsuali circa 4.087.957€.