Oltre mille ospiti hanno partecipato oggi all’assemblea dei cento anni di Confindustria Como, questo il nome a cui è tornata l’associazione degli industriali comaschi dopo la votazione dei soci nella splendida cornice di Villa Erba.

Confindustria Como: la squadra

La parte pubblica dell’evento, a cui hanno partecipato anche 160 studenti, si è svolto un “faccia a faccia” in cui il giornalista Giovanni Minoli ha intervistato il neo eletto presidente degli imprenditori comaschi, Aram Manoukian. L’intervista è stata preceduta da un filmato realizzato dalla troupe dello stesso Minoli che ha raccontato un emozionante percorso di cento anni di storia partendo dai bachi da seta e arrivando a ComoNExT, il Parco Scientifico e Tecnologico di Lomazzo che ha fatto da volano alla recente nascita di oltre 130 aziende che impiegano quasi 900 lavoratori della conoscenza. Un viaggio che ha ben riassunto quello che è il nuovo slogan dell’associazione, “da cent’anni nel futuro”.

La giornata, che ha dato avvio alle celebrazioni del centenario e che avranno la durata di un anno, si è aperta con un importante passaggio statutario. Oggi, infatti, i soci hanno eletto per il quadriennio 2019 – 2023 Aram Manoukian presidente dell’associazione, insieme alla squadra da lui proposta così composta: Gianluca Brenna, Vice Presidente Vicario con delega a Economia d’impresa, società partecipate ed alleanze; Claudio Gerosa, Vice Presidente con delega a Relazioni industriali, previdenza, welfare; Antonio Pozzi, Vice Presidente con delega Education; Serena Costantini, Consigliere con delega a Internazionalizzazione e Unione Europea; Francesco Pizzagalli, Consigliere con delega a Sostenibilità, Stefano Poliani, Consigliere con delega a Innovazione, ricerca e sviluppo; Tiberio Tettamanti, Consigliere con delega a Ambiente, territorio e sicurezza.

Leggi anche:  Conto Rinnovabili, prima iniziativa in Europa di agevolazioni e incentivi privati per le piccole e medie imprese

Il nuovo presidente Manoukian

Rispondendo alle domande di Minoli, il neoeletto presidente Manoukian annuncia le parole chiave del suo mandato alla guida di Confindustria Como: collaborazione, visione, anima e poi c’è la fiducia. “Da giovane sognavo di fare l’architetto, ma in famiglia non hanno molto apprezzato l’idea – racconta Manoukian – Oggi considero la mia attività di imprenditore un po’ come se fossi un architetto, metto buone fondamenta per creare cose che durino nel tempo”.

Nelle parole del presidente c’è la responsabilità sociale degli imprenditori, la sfida all’ecosostenibilità. “A metà anni 90 avevo paura di non riuscire più a fare le vernici perché dovevo sostituire i prodotti chimici con l’acqua: è da quel momento che penso all’importanza dell’ecosostenibilità” spiega Manoukian a Minoli.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU