Alla presenza di un nutrito gruppo di ospiti, tra addetti al settore ed estimatori del miglior design italiano, lo storico marchio del distretto della Brianza ha inaugurato il nuovo spazio MisuraEmme Città del Messico, ulteriore segnale di consolidamento ed espansione della sua politica di internazionalizzazione.

“Lo showroom – situato all’interno dello spazio Benetti Casa, nell’esclusivo quartiere di Lomas de Chapultepec, sede di alcune delle residenze di maggior spicco e prestigio della città – si sviluppa su uno spazio di 250mq offrendo un ampio respiro sulle cinque ambientazioni presenti”.

Legno arredo MisuraEmme apre uno showroom in Messico

Varcato l’ingresso, il visitatore può ammirare l’estetica MisuraEmme in un’atmosfera raffinata, in cui essenze, pelli e marmi creano un mood cromatico dai toni naturali e delle terre calde. Un percorso, inoltre, in cui sono stati collocati alcuni dei pezzi più rappresentativi e apprezzati della produzione.

Spicca, con la sua lineare pulizia estetica e funzionalità, il celebre walk-in closet Palo Alto – design Gianni Borgonovo; lo accompagnano altre due eccellenze dell’azienda: i tavoli Gaudì e Ala, entrambi scaturiti dall’estro creativo di Ferruccio Laviani. Completano l’ambientazione le sedie Michelle e Naos e la poltrona Ermes di Mauro Lipparini: quest’ultima è un eterno invito al relax e al comfort con le sue forme avvolgenti.

Leggi anche:  Incidente Mariano, parcheggia il furgone in pendenza, questo lo travolge FOTO

“Siamo felici di esportare il nostro savoir-faire all’estero”

Ottaviano Borgonovo – owner di MisuraEmme – presente all’inaugurazione dello showroom, ha commentato l’apertura del nuovo punto vendita come un segnale dell’attenzione aziendale verso l’andamento dei mercati internazionali: “Siamo felici di esportare il nostro savoir-faire all’estero e in particolare in Messico, essendo uno dei 5 Paesi emergenti a più alta crescita e potenzialità. Un trend positivo e dinamico in costante sviluppo che lascia presagire un futuro di grandi opportunità per il Made in Italy. Del resto, l’Italia si conferma il terzo importatore di questi beni con ben 83 milioni di euro. Un segnale inequivocabile di quanto il design italiano sia apprezzato e della capacità di trasmettere tale valore all’estero, rendendolo immediatamente riconoscibile.”

Con la recente apertura, che si aggiunge alla prima in territorio messicano risalente al 2016, l’azienda si conferma un punto di riferimento autorevole per tutti coloro che cercano stile e raffinatezza dal gusto contemporaneo, sia per progetti privati che contract.