A Palazzo Cernezzi oggi si è tenuta la cerimonia in occasione dei 150 del Setificio.

Il 5 aprile del 1868 si apriva a Como la scuola comunale Setificio. La nascita di quello che è oggi l’ISIS Paolo Carcano è stata ricordata con una cerimonia ufficiale alla quale hanno partecipato il sindaco Mario Landriscina, la presidente della Provincia Maria Rita Livio, il dirigente scolastico Roberto Peverelli, la Fondazione Setificio nella persona di Andrea Ferrari e l’Associazione Ex Allievi con la presidente Giovanna Baglio. Non sono mancati gli studenti e gli ex allievi. Alla cerimonia hanno partecipato anche Graziano Brenna, presidente onorario Fondazione Setificio, e Ambrogio Taborelli, presidente della Camera di Commercio di Como.

L’intervento del sindaco Landriscina

“Sono fiero di celebrare qui a Palazzo Cernezzi i 150 anni di questa scuola perché a quel tempo fu proprio il Comune a decidere di istituire il Setificio – ha commentato il sindaco Landriscina – Raccogliendo le istanze di chi operava nel settore che sentivano di dover dare una professionalizzazione a chi lavorava in quel settore”.

Leggi anche:  Revocato sciopero dei benzinai: i distributori rimangono aperti

150 del Setificio, Livio: “Orgoglio del territorio”

Grande entusiasmo per questa cerimonia da parte della presidente della Provincia Maria Rita Livio che ha appellato il Setificio come un “orgoglio del territorio”. Non a caso solo qualche mese fa l’istituto è stato scelto dal Ministero dell’Istruzione per essere tra le prime 100 scuole che sperimenteranno il diploma in quattro anni con un programma unico in Italia.

“Tante famiglie devono a questa scuola la loro crescita perché ha favorito ad aumentare il livello culturale ed economico di tanti nuclei – ha spiegato la presidente – Anche per il fatto che da sempre è intimamente legata al mondo dell’imprenditoria”. Quindi, visto anche i recenti problemi alla struttura che ospita anche il Museo della Seta, ha precisato: “Guai se venisse a mancare il decoro di una scuola tanto importante per il territorio”.

 TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU