Oggi, sul palco del Teatro alla Scala, si sono tenute le premiazioni del Premio “Lombardia è ricerca”. Terza classificata una scuola dell’erbese. A premiare i ragazzi durante la Giornata della Ricerca 2018 insieme al presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, il vicepresidente Fabrizio Sala e l’assessore Melania Rizzoli. Con loro anche anche lo scrittore e attore Giacomo Poretti che si è esibito con un intervento dedicato ai ragazzi e Gerry Scotti.

Lombardia è ricerca: “Progetti sorprendenti”

Fabrizio Sala, assessore alla Ricerca, Innovazione, Università, Export e Internazionalizzazione delle imprese ha spiegato il perché di questa iniziativa. “Con questo premio abbiamo voluto permettere ai ragazzi di sperimentare in prima persona che cosa significa fare innovazione. Diffondere tra gli studenti una cultura della ricerca basata in primo luogo sul confronto, anche per contribuire a dettare gli indirizzi del futuro. Abbiamo stimolato i ragazzi a essere promotori di proposte innovative in ambiti strategici per lo sviluppo sociale ed economico. Sono sorprendenti i progetti nati da questa collaborazione in cui Regione Lombardia sarà un partner importante per poter dire ‘avevamo un’idea, che adesso è realtà'”.

64mila euro il premio complessivo

Lo speciale riconoscimento è pari a 64 mila euro complessivi. I progetti e prototipi di quattro team di altrettanti istituti superiori – l’ISIS Bernocchi di Legnano, l’ITI Hensemberger di Monza, liceo scientifico Galilei di Erba (Co) e il CFP Canossa di Magenta – sono stati selezionati da una giuria indipendente, presieduta da Eugenio Gatti, direttore della Fondazione del Politecnico di Milano, e composta da insegnanti, docenti universitari, liberi professionisti, ricercatori, che si sono candidati a ricoprire questo ruolo.

“In Italia abbiamo migliaia di giovani talenti, ma è necessario scoprirli e incentivarli” – ha dichiarato l’assessore all’Istruzione, Formazione e lavoro della Regione Lombardia Melania Rizzoli-. “Sono felice che in questa occasione vengano premiate anche alcune scuole lombarde che, con i progetti presentati, hanno dimostrato di saper eccellere in diversi settori della ricerca. Rivolgo a tutti i ragazzi – ha proseguito – un invito a donare il proprio patrimonio intellettuale in questo settore”.

Il progetto erbese

Terzi classificati del Premio sono Valentina Montesano, Marta Redaelli, Camilla Paleari, Stefano Andreoni, quattro studenti della classe quinta del Liceo Scientifico Galileo Galilei di Erba.  Per loro come premio 10 mila euro e 5 mila euro all’Istituto.

Leggi anche:  Bando Lumen: 32 comuni del Comasco beneficeranno dei finanziamenti

Il progetto InTerAction del Galilei di Erba guarda all’interazione 4.0 tra uomo e robot e in particolare alla cosiddetta robotica collaborativa, che vede e sempre più vedrà gli androidi impegnati ad affiancare i lavoratori: per renderla più sicura, gli allievi del liceo scientifico hanno messo a punto a un sistema per evitare la collisione tra lavoratore e robot, informando in tempo reale il controllore del robot della posizione effettiva dell’uomo che opera nelle sue vicinanze. Il prototipo è costituito da un sistema hardware e software che sostituisce o integra le componenti attualmente utilizzate per la gestione della sicurezza degli operatori e permette lo svolgimento di attività cooperative uomo – robot.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU