Ha preso il via questa mattina, venerdì 6 settembre a Villa d’Este di Cernobbio, per concludersi domenica 8 settembre, la 45esima edizione dell’annuale Forum Ambrosetti dedicato all’economia. Il tema di quest’anno è “Lo scenario di oggi e di domani per le strategie competitive”.

La crisi di Governo agostana e il nuovo esecutivo hanno però portato dei cambiamenti all’agenda degli ospiti e dei relatori. Sono infatti saltate all’ultimo le partecipazioni del premier, Giuseppe Conte, e di Paolo Gentiloni chiamato alla Commissione europea. Tra i temi sotto la lente quello delle infrastrutture con l’intervento domenica del neo ministro, Paola De Micheli.

Forum Ambrosetti

Missione e ambizione del Forum sono quelle di offrire alla classe dirigente internazionale ed italiana un’occasione di approfondimento serio e qualificato – supportato da analisi e ricerche – sugli scenari geopolitici, economici, tecnologici e sociali e sulle loro implicazioni per le imprese e per i Paesi.

Per il sesto anno consecutivo The European House – Ambrosetti è stata confermata primo Think Tank privato italiano, tra i primi 10 in Europa, tra i primi 20 al mondo e nei primi 100 più apprezzati Think Tank indipendenti su 8.100 a livello globale nell’edizione 2018 del Global Go To Think Tanks Report dell’Università della Pennsylvania, attraverso una survey indirizzata a 70.000 leaders di imprese,
istituzioni e media, in oltre 100 Paesi nel mondo. Coerentemente con questo riconoscimento, durante il Forum verranno presentate molte analisi e ricerche da noi realizzate.

Leggi anche:  Raduno di Pontida tra slogan, immagini sacre e contestazioni FOTO E VIDEO

Nel corso del Forum interverranno gli esponenti di 16 Paesi e di 9 governi mondiali. Gli oltre 200 partecipanti presenti rappresentano un fatturato aggregato di 1,3 trilioni di Euro, pari al 15,5% del fatturato prodotto dall’industria manifatturiera europea e 47,6 trilioni di Euro in asset pari a 2,9 volte il PIL dell’Unione Europea.

Gli ospiti

Ospiti del Forum oltre agli ex premier Enrico Letta, Mario Monti, Romano Prodi, anche l’ex ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanese e, ritornato nelle vesti del professore universitario, l’ex responsabile dell’Economia, Giovanni Tria. Diversi gli esponenti politici europei a partire da Geert Wilders (leader del partito olandese Pvv), a Alexis Tsipras fino al ministro dell’Economia e delle Finanze della Francia, Bruno Le Maire, al presidente dell’Eurogruppo e ministro delle Finanze del Portogallo, Mario Centeno, al vice ministro delle Finanze tedesco Jörg Kukies e al vice presidente della Banca Centrale Europea, Luis de Guindos. Tra i temi anche la Brexit con il ministro del Regno Unito per l’uscita dall’Unione Europea, Steve Barclay.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU

Foto: Ambrosetti