Asfaltature Como: in Giunta comunale è stato approvato un programma da 1,5 milioni di euro. Obiettivo il rinnovamento delle strade.

Asfaltature Como: 65mila metri quadri da rinnovare

Con il 2018 partirà il programma di rinnovamento della rete stradale del Comune. Dove necessario saranno realizzati interventi di asfaltatura e rifacimento del fondo per un totale di 65mila metri quadri di superficie e un importo di 1,5 milioni di euro. La giunta comunale ieri sera ne ha approvato lo studio di fattibilità tecnica ed economica.

Le strade interessate

Gli interventi previsti sono variegati per posizione, dimensione e tipologia. Per la maggior parte prevedono la fresatura dello strato superficiale del manto stradale (5 cm), la messa in quota di chiusini e griglie (con sostituzione di chiusini e griglie ammalorati), fornitura e stesura del bitume, rifacimento della segnaletica orizzontale.

Le strade interessate dai lavori nel 2018 sono: via per San Fermo, via Clemente XIII, via Quasimodo, via Dottesio, via R. Romana, via Valeria, via Collina, via Maderno, via Amoretti, via Catenazzi, via Bonola, via Manara, via XX settembre, via alla Guzza, piazzale atleti azzurri d’Italia, via sportivi comaschi, via Muggiò, via Comerio, via Cattaneo, via Battisti, via Innocenzo XI nonché l’uscita autostradale Como Centro – Lazzago.

Leggi anche:  Il dopo Arosio: scelto il nuovo vicesindaco di Cantù

Il commento dell’assessore Vincenzo Bella

Come da indicazioni dell’assessore Vincenzo Bella, oltre allo strato superficiale del piano viabile sono state considerate le condizioni delle fondazioni e nei punti dove è risultato necessario saranno risanate.

“Spesso la scarsa tenuta del piano viabile è dovuta alle fondazioni inadeguate – ha spiegato l’assessore – Molte delle strade di Como sono ricavate da vecchie pavimentazioni di acciottolato, che in alcuni tratti si può ancora vedere quando si rompe l’asfalto. Rispetto all’anno precedente è stata triplicata la cifra investita sulle asfaltature perché è necessario riprendere in mano la situazione dopo qualche anno di spese non sufficienti al mantenimento della rete stradale comunale”.