Attilio Fontana, nuovo presidente di Regione Lombardia, a cuore aperto per il gruppo editoriale Netweek.

Attilio Fontana sconosciuto?

Attilio Fontana questo sconosciuto? Proprio no, considerati i dieci anni da sindaco di Varese e il fatto che sia già stato anche presidente del Consiglio regionale. La Lombardia e l’istituzione Regione insomma le conosce bene entrambe e, archiviata ormai la campagna elettorale con le dinamiche di notorietà che l’hanno contrapposto al predecessore Roberto Maroni e al principale sfidante Giorgio Gori, il nuovo governatore è pronto a guidare la nuova Giunta forte del 49,75% dei consensi.

Come è riuscito a raccogliere un consenso così forte?

«Tutto merito di Matteo Salvini, della Lega e di tutti i partiti della coalizione di centrodestra. L’aspetto politico ha avuto un’influenza notevole», esordisce il neo governatore lombardo.

attilio fontana
Oggi sul Giornale di Lecco

Un po’ il merito sarà anche suo…

«Forse sono riuscito a instaurare un rapporto di empatia con le numerose persone che ho incontrato in questi due mesi. Sono stato capace di parlare con loro, di ascoltarle, di capire anche le garbate lamentele che mi venivano rivolte: tutte caratteristiche tipiche di una persona che ha amministrato un Comune. Credo sia piaciuta anche la mia concretezza. Poi ho avuto la possibilità di spiegare che tipo di Regione avevo in mente».

Leggi anche:  Regione Lombardia: balzo in avanti verso l'autonomia

L’intervista completa

Sicurezza, lavoro, burocrazia, autonomia: questa settimana su tutti i settimanali lombardi del gruppo editoriale Netweek un’approfondita intervista ad Attilio Fontana a cura del direttore Giancarlo Ferrario arricchita da una tabella con l’elenco dei nuovi consiglieri regionali e le rispettive preferenze.