Questa mattina si è discusso in Commissione Territorio sulle criticità causate dalla parziale chiusura della Strada Provinciale Novedratese a Carimate e sulle problematiche legate alla rete infrastrutturale.

La Commissione Territorio discute sulla Novedratese

Hanno partecipato all’audizione il Presidente della Provincia di Como Fiorenzo Bongiasca, il Dirigente del Settore Infrastrutture della Provincia di Como Bruno Tarantola, il Sindaco di Arosio Alessandra Pozzoli, il Vice Sindaco di Cermenate Federica Bernardi, il Sindaco di Novedrate Serafino Grassi, l’Assessore del Comune di Lentate sul Seveso Attilio Amoroso e il responsabile del settore urbanistica di Unindustria Como Alessandro Carugati. “E’ importante attivarsi da subito per recuperare le risorse economiche necessarie a garantire la realizzazione dell’interramento del tratto viario sollecitato dal sindaco di Arosio e oggi interessato da lunghi e pericolosi incolonnamenti: si tratta di un’opera che costituisce una priorità fondamentale per il territorio e sul cui iter progettuale e realizzativo Regione Lombardia deve farsi parte attiva in termini di cofinanziamento e non deve venire meno al suo ruolo di stimolo e coordinamento, in accordo con tutti gli enti territoriali coinvolti” ha spiegato il presidente del Consiglio regionale, Alessandro Fermi.

Il sottopasso di Arosio la priorità

“E’ un intervento indispensabile soprattutto in considerazione del fatto che quest’opera si inserisce sull’unico collegamento significativo est-ovest presente in questa area, capace di connettere tra loro la Valtellina e Malpensa, con l’esigenza di migliorare e potenziare anche la rete infrastrutturale che vi fa riferimento. Servono infine al più presto certezze e risposte concrete sullo sviluppo futuro di Pedemontana: i Comuni interessati dal suo passaggio, non possono restare perennemente ostaggio di tempistiche indefinite e continue ipotesi di modifiche e variazioni del tracciato”.

Le colonne dall’uscita Arosio/Briosco sulla SS36

Il sindaco di Arosio Alessandra Pozzoli ha posto in particolare la necessità di risolvere il problema dei lunghi incolonnamenti che si sviluppano dall’uscita della SS36 di Arosio/Briosco fino alla prima intersezione semaforica di Arosio, che provocano disagi anche ai Comuni vicini, essendo sempre più numerosi gli autisti che per cercano percorsi alternativi sulle strade comunali vicine. Da qui l’appello affinchè anche Provincia e Regione si facciano carico per quanto di loro competenza nel creare le premesse per la realizzazione di un interramento almeno parziale del tratto viario, con priorità assoluta al segmento tra la Novedratese e via Santa Maria Maddalena, soluzione condivisa anche da tutti i sindaci dei Comuni vicini. “Per quest’opera – ha assicurato il primo cittadino- abbiamo già disponibili risorse proprie derivanti dagli oneri di urbanizzazione di un importante intervento di riqualificazione che gravita proprio sulla Novedratese”.

Leggi anche:  In arrivo quasi 120 milioni di euro nel settore socio sanitario | Il governatore risponde

Lo svincolo tra Cermenate e Lentate

Il vice sindaco di Cermenate Federica Bernardi ha quindi sollecitato la Commissione regionale a fare le opportune verifiche sui collegamenti previsti tra la Novedratese, la SS35 dei Giovi e la Pedemontana, con particolare riferimento allo svincolo a cavallo tra Cermenate e Lentate sul Seveso, già programmato e inizialmente cantierizzato ma che, a seguito di un contenzioso con Strabag, sarebbe stato inserito in un successivo lotto di lavori inerente la futura riqualificazione della Milano-Meda. “Un’ipotesi inaccettabile –ha sottolineato Federica Bernardi– a fronte anche dei gravi disagi, del congestionamento di traffico e degli incolonnamenti già presenti nei Comuni di Cermenate e Lentate”. Una richiesta, quello del vice sindaco di Cermenate, condivisa e fatta propria anche dai Consiglieri regionali brianzoli Marco Mariani (Lega) e Pietro Luigi Ponti (PD).

“Fondamentale trovare soluzione”

Infine il Presidente della Provincia di Como Filippo Bongiasca ha ricordato come sulla Novedratese transitano ogni giorno almeno 28mila veicoli, il 16% dei quali costituito da mezzi commerciali e pesanti di lunghezza superiore ai 7 metri. “E’ fondamentale trovare soluzione all’attraversamento di Arosio –ha aggiunto- e realizzare al più presto le opere complementari di Pedemontana, procedendo laddove possibile al quadruplicamento di alcuni tratti della Novedratese come già avvenuto nel tratto tra Novedrate e Figino Serenza”.

In conclusione, il Consigliere regionale del Partito Democratico Angelo Orsenigo ha espresso “soddisfazione per il risultato positivo dell’incontro” e un plauso “per la capacità degli amministratori locali di risolvere velocemente il problema contingente del ponte”. Ma ora, per Orsenigo, i punti chiave da affrontare sono “la realizzazione del sottopasso di Arosio con il cofinanziamento di Regione Lombardia e le opere complementari di Pedemontana, già finanziate, tra cui il collegamento con la Novedratese. E in questa direzione stiamo già lavorando per dare risposte concrete in tempi brevi”.