Il Giornale di Cantù e Confartigianato hanno deciso di organizzare un faccia a faccia elettorale a cui parteciperanno tutte e cinque i candidati. Si svolgerà oggi, giovedì 16 maggio, a partire dalle 20.30, nella sala civica in piazza Marconi che solitamente ospita le sedute del Consiglio comunale.

Elezioni Cantù 2019: giovedì il faccia a faccia tra i candidati

Al faccia a faccia elettorale hanno dunque deciso di aderire l’ex assessore all’Urbanistica nella Giunta di Edgardo Arosio e poi vicesindaco uscente Alice Galbiati, candidata alla carica di sindaco per la coalizione di centrodestra, formata dalle liste della Lega, di Fratelli d’Italia, di Forza Italia e dalla lista civica di Cantù Sicura. Vi sarà poi Vincenzo Latorraca, ex assessore nell’Amministrazione di Claudio Bizzozero, e candidato alla poltrona di primo cittadino per la coalizione di centrosinistra. Quest’ultima sarà costituita da tra liste: quella del Partito democratico affiancata da due liste civiche, Unire Cantù e CanTù con Noi. Ci sarà poi Paolo Di Febo, ex assessore ai Lavori pubblici nell’Amministrazione di Claudio Bizzozero, candidato per la coalizione formate esclusivamente da liste civiche, vale a dire Lavori in Corso, Cantù Rugiada e Cantù FederaLista. All’incontro parteciperà anche Ruggero Bruni, candidato sindaco a Cantù per la lista del Movimento 5 Stelle. Infine sarà presente al “faccia a faccia” elettorale nella sala civica in piazza Marconi anche il candidato del movimento politico di estrema destra Forza Nuova, Salvatore Ferrara, coordinatore regionale del partito.

Leggi anche:  Giunta Landriscina dopo Locatelli: ecco il nuovo vicesindaco

La serata

Ai cinque candidati verranno poste cinque uguali domande, tre dai redattori del Giornale di Cantù e due dai rappresentanti di Confartigianato. Riguarderanno i temi principali che interessano la città del mobile e i suoi cittadini. In questo modo i candidati illustreranno al pubblico presente le soluzioni che intendono adottare per risolvere alcuni degli annosi problemi che riguardano la città. Nel contempo avranno modo di illustrare i progetti che, nel momento in cui saranno realizzati, contribuiranno a modificare il volto della città dal punto di vista dell’urbanistica, dei lavori pubblici ma anche da quello del commercio e della cultura. Non mancheranno anche momenti “più leggeri”.

Tutti i cittadini sono invitati a partecipare