La lista civica «Locate in comune» si prepara alle elezioni amministrative del 2019 partendo dall’ascolto dei cittadini dalle loro necessità, desideri, bisogni, problemi e disagi. E’ in distribuzione in questi giorni il sondaggio: Il comune che vorrei.

La lista civica “Locate in comune”, dall’ascolto ai cittadini al voto del 2019

«Mantenendo inalterato lo spirito iniziale che quattro anni fa portò alla costituzione di una lista civica con l’obiettivo di mettere al centro la partecipazione non solo come strumento di ascolto, ma soprattutto come metodo di condivisione dei problemi e delle soluzioni. Partecipazione, bene comune e attenzione al sociale rappresentano il comune denominatore che unisce un gruppo di persone con esperienze personali diverse, che propongono un’idea di Amministrazione che non si limiti al lavoro di Giunta ma che tenga un rapporto costante con le realtà del territorio», riferiscono i componenti della lista civica oggi rappresentata in consiglio da Cristina Stevenazzi.

Il comune che vorrei:  sondaggio tra i locatesi

E’ con lo spirito di partecipazione che nasce l’iniziativa «Locate Varesino: il comune che vorrei». Si tratta di un questionario, in forma anonima, per conoscere le esigenze dei locatesi, valutare i servizi offerti (dalla pulizia, alla manutenzione delle strade, alla raccolta rifiuti, alla biblioteca, ai percorsi pedonali, alla fruizione del parco Pineta, passando dagli impianti sportivi e ai parcheggi), e sapere cosa ne pensano su alcuni progetti come l’apertura di villa Catenacci, l’ampliamento del centro sportivo e come sognerebbero la Locate del futuro.

Leggi anche:  Pgt di Colico, Cappelletti: “Chi ha sbagliato, deve assumersi le proprie responsabilità”

La lista civica si prepara alle elezioni comunali del prossimo anno

«Con il questionario “ Il comune che vorrei ” chiediamo ai cittadini di contribuire attivamente alla stesura del prossimo programma elettorale. In vista delle elezioni amministrative del 2019 infatti, la loro opinione e i loro suggerimenti ci aiuteranno a formulare una proposta politica valida, concreta e condivisa», concludono i sostenitori che hanno distribuito il questionario  anche attraverso gazebo in piazza.