“Il futuro è adesso, il cambiamento è iniziato. Oggi è stato il punto di avvio di un percorso di rinnovamento del partito che parte dal territorio, dagli amministratori locali, dalla nostra gente.  E’ l’inizio di una nuova era!” scrive così sulla sua pagina Facebook il presidente del consiglio regionale, nonché uomo di Forza Italia nel comasco, Alessandro Fermi. Lo fa al termine di un evento molto importante, “Il futuro per forza – A coloro che hanno a cuore l’avvenire di Forza Italia”, organizzato a Sesto San Giovanni oggi e al quale hanno partecipato Giulio Gallera, Alan Rizzi, Mauro Piazza e Federico Romani. Ma soprattutto Giovanni Toti, governatore della Regione Liguria.

La rivoluzione di Forza Italia

“Noi abbiamo più volte pensato alle grandi difficoltà e alle conseguenze che un’iniziativa come questa potesse portare. Abbiamo subito piccoli e grandi segnali, per non dire ricatti, di rallentare, di fermare, di annullare. Ma quella gente si rende conto dell’energia in questa sala?” ha esordito nel suo intervento Alessandro Fermi.

Poi l’affondo al governo gialloverde. “C’è bisogno per l’Italia. La deriva culturale di questo paese è pericolosissima. L’Italia è diventata una delle 7 potenze mondiali dal Dopoguerra a oggi e lo ha fatto con il lavoro, l’ingegno, il sacrificio, la fatica, la passione, con la grande capacità degli italiani di essere il primo popolo in ogni momento in cui si confronta. Questa cultura oggi è mortificata, rischia di essere la tomba del nostro paese. Noi di fronte a questo non possiamo stare fermi, aspettare, continuare con vecchi tatticismi. Noi abbiamo bisogno di liberare energia positiva”.

Leggi anche:  Lega: domani il raduno di Pontida, scritte contro Salvini a Brescia

E conclude: “Ringrazio Giovanni Toti, per aver avuto ancor prima di noi il coraggio di andare contro corrente e quella corrente è molto forte. Oggi diciamo che qualche remo lo abbiamo comprato, lo stiamo utilizzando e stiamo remando con fatica contro corrente. Siamo qui per un popolo che ci chiede di dare un segnale differente”.

Tanti i comaschi forzisti presenti all’evento. Non è mancato (anzi, sul palco come moderatore Mauro Caprani, responsabile provinciale di Forza Italia a Como), ma anche Giuseppe Cangialosi e Veronica Airoldi, sindaco di Erba.