Dopo Como e Mariano Comense anche a Cantù il Movimento 5 Stelle, capitanato dal consigliere Gianpaolo Tagliabue, ha depositato oggi, martedì 12 febbraio, la mozione Plastic Free, promossa dal Ministero dell’Ambiente e approvata in diverse realtà locali.

Plastic free la mozione arriva a Cantù

L’obiettivo è quello di eliminare l’utilizzo della plastica monouso (bicchieri, bottiglie d’acqua, cucchiaini monouso per il caffé) da tutti gli uffici ed edifici comunali e sostituirli con oggetti in materiale biodegradabile ovvero non inquinanti e poco nocivi per la salute. “L’Amministrazione comunale non può restare indifferente ai temi ambientali e anzi consigliamo di intraprendere azioni mirate anche all’interno delle scuole primarie e secondarie. Se adulti e bambini danno vita ad un’iniziativa comune – spiegano gli attivisti del Movimento 5 Stelle di Cantù – possiamo ottenere insieme dei risultati ottimali”.

“Il futuro in direzione del risparmio”

La mozione Plastic Free, caldeggiata dal Ministro dell’Ambiente Sergio Costa, ha avviato una diffusa campagna di sensibilizzazione che si pone come primo obiettivo la tutela del territorio e del mare. Da qualche mese, il Ministero ha esteso la campagna stessa agli articoli monouso, sollecitando enti locali e uffici pubblici a seguire l’esempio “green”. La mozione ha suscitato reazioni positive a Como e a Mariano dove i rispettivi Consigli comunali hanno deciso di adottare la svolta ecologica. Grazie all’iniziativa del Movimento 5 Stelle, ora anche la città di Cantù potrebbe unirsi alla lista. “Sarebbe bello se entro maggio 2019 iniziasse un percorso che porti alla rimozione di tutta la plastica monouso dagli uffici comunali, comprese le sale conferenze e i centri civici, con particolare attenzione a quelli derivati dalla vendita (diretta o tramite distributori automatici) ed alla somministrazione di cibi e bevande. Un percorso con obiettivi precisi individuati, monitorati e relazionati per ogni anno, al fine di ridurne al minimo l’utilizzo sino alla completa eliminazione della plastica all’interno dell’Istituzione del Comune”, scrive Gianpaolo Tagliabue nel testo della mozione. “Il futuro va nella direzione del risparmio delle risorse e del totale recupero dei materiali dai rifiuti. Ne va dell’ambiente e della nostra salute”, concorda Raffaele Erba, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle.